Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Ok

Facebook

YouTube

DURATA

7 giorni

PARTENZE DI GRUPPO CON SPECIALISTA ARCHEOLOGO DALL'ITALIA

PARTENZE INDIVIDUALI A DATE LIBERE


UN VIAGGIO PER... 

Un viaggio ideale per la scoperta dell’arcipelago maltese, delle sue bellezze naturali, ma soprattutto del suo inestimabile patrimonio archeologico preistorico, unico al mondo. Ricca di capolavori architettonici e artistici, con i suoi splendidi monumenti barocchi, Malta offre al visitatore tutto il fascino ultramillenario di una storia complessa quanto sfaccettata.


I vostri alberghi

La Valletta: La Falconeria 4*

 

Mezzi di trasporto

Vetture o minibus dotati di aria condizionata, a seconda del numero di partecipanti.


 

Da sapere

Il viaggio non presenta particolari difficoltà. I programmi possono subire variazioni nell’ ordine delle visite quotidiane.


 

Quando partire

Tutto l’anno, ma i periodi climaticamente più favorevoli sono la primavera e l’autunno.


 

In questo viaggio il patrimonio UNESCO

 - La Valletta, i templi megalitici di Malta e l’ipogeo di Hal-Saflieni


 

Questo viaggio prevede le seguenti partenze di gruppo

  • Domenica, 12 Aprile 2020
  • Venerdì, 01 Maggio 2020
  • Lunedì, 01 Giugno 2020
  • Domenica, 06 Settembre 2020
  • Sabato, 10 Ottobre 2020
  • MALTA - VIAGGIO NELL’ISOLA DEGLI ANTICHI GIGANTI

    Quote a partire da € 2.060 - 7 giorni
    I TOUR ARCHEOLOGICI

    • Un arcipelago di appena 316 chilometri quadrati, situato tra le coste della Sicilia, dalla quale dista circa 80 chilometri, e quelle della Tunisia, lontane oltre 280: Malta è la principale delle tre isole maggiori e conta poco meno di 370.000 abitanti. Uno Stato dalle dimensioni ridotte, dunque, che tuttavia ha alle sue spalle una storia lunga e complessa che ha visto susseguirsi nel corso dei millenni la dominazione di Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Arabi, Normanni, Aragonesi, francesi e inglesi e che vanta un immenso patrimonio archeologico risalente alla preistoria. Malta vide infatti svilupparsi una propria civiltà megalitica agli inizi della Età del Bronzo, attorno al 3500 a.C., contemporaneamente alla diffusione della cultura dei menhir nelle terre fredde dell’Europa occidentale. In quel periodo sulle isole sorsero grandi complessi cultuali che vennero utilizzati per circa un millennio fino al 2500 a.C. circa, periodo in cui la popolazione locale pare essere scomparsa misteriosamente, lasciando come impressionante testimonianza edifici che molti secoli dopo gli isolani pensavano fossero stati eretti da un popolo di giganti. Il più significativo esempio dell’architettura preistorica maltese è il tempio di Ggantjia, che sorge nei pressi di Xagħra, un paese sull’isola di Gozo. Nel 1980 fu dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e la nomina venne estesa nel 1992 anche agli altri complessi analoghi presenti sull’isola di Malta, considerati tra le più antiche strutture al mondo erette a fini religiosi, tutti costruiti tra i 5600 e i 4500 anni fa. Non meno suggestivo è l’ipogeo di Ħal Saflieni, a tutt’oggi noto come il più antico tempio sotterraneo al mondo: un luogo la cui suggestione è indimenticabile.

       

      Giorno per giorno

       

      1° Giorno
      ITALIA - LA VALLETTA
      Partenza dall’Italia con volo di linea per Malta. Arrivo e trasferimento in albergo a La Valletta. 
      Pernottamento.

       

      2° Giorno
      LA VALLETTA
      Fondata nel 1566 dai Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni, che le diedero il nome del loro gran maestro Jean de la Valette, La Valletta è una città incredibilmente ricca di storia e pregevoli monumenti, vivace e piena di vita; non a caso è stata eletta Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, oltre che Capitale Europea della Cultura per il 2018. Sorta su una penisola rocciosa situata tra due ampie insenature che fungono entrambe da porto, la capitale maltese è ancora racchiusa entro una cinta di possenti bastioni seicenteschi. Il tessuto urbano è costituito da una maglia di vie ortogonali tra loro, che originano quartieri dalla forma piuttosto regolare, occupati da abitazioni o edifici pubblici. Ad accoglierci in questa visita della città saranno la nuova porta urbica progettata da Renzo Piano e i vicini Giardini Upper Barrakka, che occupano uno dei bastioni antichi e dai quali si ha una splendida vista sul Porto Grande e sulle cosiddette Tre Città, situate a est della capitale al di là del braccio di mare. Visitiamo poi la cinquecentesca Concattedrale di San Giovanni, che per oltre due secoli fu la chiesa conventuale dell’Ordine dei Cavalieri di Malta, che qui venivano insigniti del titolo; simbolo stesso di Malta, la chiesa ospita due capolavori del Caravaggio, ossia il San Gerolamo scrivente e La decollazione di San Giovanni Battista, unico dipinto a essere stato firmato dal maestro. È quindi tempo per visitare il Museo Nazionale di Archeologia, che custodisce preziose raccolte di reperti preistorici provenienti dalle isole maltesi, tra le quali spicca la celebre statuetta della cosiddetta Donna dormiente. Nel pomeriggio partiamo alla scoperta delle Tre Città –­ Vittoriosa, Cospicua e Senglea – ­costruite e fortificate dai Cavalieri di Malta. Le tre città fortificate, oggi divenute un’unica area inurbata chiamata Cottonera, sono una splendida testimonianza della complessa storia dell’isola e grazie alla loro posizione strategica hanno per secoli offerto riparo e protezione alla popolazione locale dalle minacce esterne. Vittoriosa (nota anche con il nome di Birgo) ospitò i cavalieri dell’Ordine di San Giovanni ben prima che La valletta divenisse capitale. Dopo aver camminato nel dedalo di viuzze e goduto della formidabile vista sul Porto Grande, nel tardo pomeriggio facciamo rientro in albergo.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      3° Giorno
      LA VALLETTA - ESCURSIONE A HAGAR QIM, MENAIDRA, GHAR DALAM E BORG IN-NADUR
      L’intera giornata è dedicata alla storia più remota dell’isola e ci condurrà alla scoperta di alcuni dei templi preistorici dell’isola, dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Raggiungiamo dapprima il Tempio di Hagar Qim, situato sulla sommità di una collina sul versante meridionale dell'isola, affacciata sul mare e sull’isolotto di Filfola. Il complesso, dalla pianta piuttosto complessa, è affiancato da una struttura trilobata che verosimilmente era la sede dei sacerdoti o dello sciamano. È interessante notare che alcuni dei blocchi litici furono dentellati per meglio incastrarsi con quelli contigui; nel tempio si trovano inoltre tre altari. Tra i reperti rinvenuti ad Hagar Qim figurano diverse statuette (oggi conservate nel Museo archeologico di La Valletta) raffiguranti una donna molto pingue, quasi certamente raffigurazioni della Dea Madre. Nelle vicinanze visitiamo anche il tempio di Menaidra (Mnajdra), costruito nel IV millennio a.C. e considerato tra i più antichi edifici al mondo eretti a secco, antecedente perfino il tempio di Stonehenge e le Piramidi di Giza (il più antico in assoluto è Göbekli Tepe in Turchia, risalente a ben 11.500 anni fa). Dalla struttura alquanto complessa che include tre templi ben distinti tra loro e risalenti a tre diverse fasi storiche, è considerato da molti studiosi il miglior esempio di struttura megalitica maltese; alcune lastre di pietra sono decorate con motivi spiraliformi, altre con fittissime coppellature. Il tempio inferiore fungeva da osservatorio astronomico e da calendario solare, che permetteva la previsione dell’ora esatta del solstizio estivo con sorprendente precisione. Ancora oggi, il 21 giugno molte persone provenienti da tutto il mondo si ritrovano in questo luogo pieno di mistero per ammirare il sorgere del sole. La tappa successiva è la caverna di Għar Dalam, la Caverna Oscura, nella quale sono state rinvenute le prime e più antiche testimonianze dell’insediamento umano sulle isole maltesi, risalenti a 7400 anni fa. Al suo interno sono stati tra l’altro rinvenuti i resti ossei di alcuni animali risalenti alla prima era glaciale, tra cui elefanti nani, ippopotami, cervi e orsi delle caverne, i cui scheletri sono visibili nel locale museo. Poiché sono tutte specie animali che un tempo vivevano sul continente europeo, si pensa che un tempo Malta fosse congiunta all'Italia e che il livello del Mediterraneo fosse molto più basso. Raggiungiamo infine il tempio megalitico di Borg in-Nadur, una struttura dotata di quattro absidi e cinta da un alto muro di monoliti, risalente al 2500 a.C. circa; nelle vicinanze sorgeva un villaggio fortificato risalente all’Età del Bronzo, di cui purtroppo oggi restano pochi resti. Spiccano i resti di un muraglione difensivo che attraversava l’estremità del promontorio e scendeva verso due baie. La fortificazione era rivolta all'interno, lasciando il villaggio sguarnito dalla parte del mare: ciò porta a pensare che la popolazione del villaggio temesse maggiormente gli attacchi provenienti dalla terra che i pericoli provenienti dal mare. Numerosi frammenti ceramici di produzione micenea trovati sul posto dimostrano che nel secondo millennio a.C. esistevano rapporti tra le isole maltesi e le civiltà dell’Egeo. Al termine della visita facciamo rientro in hotel.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      4° Giorno
      LA VALLETTA - ESCURSIONE A MDINA
      L’escursione di oggi ci porterà nella parte centrale di Malta, dominata dall’antica cittadella medioevale di Mdina, anche nota come “la Città silenziosa”, un tempo capitale dell’isola. Mdina, che deve il suo nome agli Arabi che giunsero sull’isola attorno all’870, è rimasta pressoché immutata dai tempi dei Cavalieri di San Giovanni, con i suoi splendidi palazzi nobiliari e la maestosa cattedrale di San Paolo. Percorriamo i suoi stretti vicoli dove non passano le automobili e saliamo sulle possenti mura per ammirare lo splendido panorama dell’isola. Lasciamo Mdina passando attraverso la Greek’s Gate e procediamo verso il villaggio di Rabat per visitare le Catacombe e la Grotta di San Paolo, una delle principali attrazioni di Malta. Considerato uno dei primi insediamenti cristiani in Occidente, il complesso ipogeo è tradizionalmente indicato come il luogo dove l’apostolo soggiornò durante il suo soggiorno a Malta, dopo aver fatto naufragio mentre si recava a Roma. Si tratta di un vasto complesso di cunicoli e camere mortuarie sotterranee, il più grande dell’isola, in uso durante i primi secoli del Cristianesimo. Le catacombe erano situate all’esterno della vecchia Mdina, in quanto la legge dell’epoca vietava le sepolture all’interno delle città, ma probabilmente il sito era in uso ancora prima, durante il periodo punico. Entriamo poi nelle vicine Catacombe di Sant’Agata, che risalgono a un periodo compreso tra il II e il IV secolo, anch’esse costituite da un dedalo di gallerie e sepolcri; secondo una tradizione locale, durante la persecuzione dei cristiani ordinata dall’imperatore romano Traiano Decio (249-251), la giovinetta Agata fuggì dalla Sicilia per rifugiarsi a Malta per un breve periodo, prima di ritornare sull’isola natale dove avrebbe poi subito il martirio. La cripta di Sant’Agata è una piccola chiesa sotterranea situata in prossimità delle catacombe; in questa cripta si dice che la santa avesse pregato e insegnato il cristianesimo ai bambini del posto, attorno al 250 d.C. L’ambiente ipogeo è decorato con affreschi risalenti al XII e al XV secolo e raffiguranti vari santi. Sul posto sorge anche la chiesa di Sant’Agata, risalente al 1504 e poi ingrandita nel 1670; sulla facciata sono visibili alcune lastre di pietra poste come ex voto. Proseguiamo poi fino alla città di Mosta, situata nel mezzo dell’isola; l’abitato è letteralmente sovrastato dalla gran mole della Rotonda, ossia il duomo dedicato a Santa Maria Assunta.  Con i suoi 37 metri di diametro, la cupola della chiesa neoclassica (completata nel 1860) è per dimensioni la quarta in Europa e la nona nel mondo. Concluse le visite, facciamo rientro in hotel.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      5° Giorno
      LA VALLETTA - ESCURSIONE ALL’ISOLA DI GOZO: IL BLUE HOLE, VICTORIA E GGANTIJA
      Dopo la prima colazione raggiungiamo la città portuale di Cirkewwa, situata sull’estrema punta settentrionale dell'isola di Malta, dove saliamo a bordo del traghetto che con una traversata di circa venti minuti ci condurrà a Mgarr, sull'isola di Gozo. Da qui raggiungiamo dapprima la splendida baia di Dwejra, là dove potremo ammirare lo spettacolare Blue Hole, un profondo pozzo subacqueo scavato nel corso dei secoli dal moto ondoso. Questa è una delle maggiori attrazioni naturali delle isole maltesi, un luogo che ha fatto da sfondo per decine di spot e immagini pubblicitarie. A poca distanza sorgeva l’Azure Window, uno scenografico arco naturale spalancato sul mare, apparso anche nella prima puntata della serie televisiva “Il Trono di Spade”, che purtroppo è collassato nel marzo 2017 durante una tempesta. Proseguiamo quindi fino a Victoria, città capoluogo di Gozo nota anche con il nome di Rabat (eco della lunga dominazione araba dell’isola), dove visitiamo l’antica cittadella. All'interno della cinta muraria che si erge su una rupe a circa 150 metri sul mare, tra le molte architetture antiche spiccano la barocca Cattedrale dell’Assunzione della Vergine (1697-1711), il Palazzo del Vescovo e la settecentesca basilica di San Giorgio. A Victoria potremo disporre di un po’ di tempo libero per dedicarci ad attività individuali o a fare acquisti: Gozo è rinomata per i suoi capi in lana e i merletti lavorati a mano. Nel pomeriggio ci dirigeremo alla baia di Xlendi, delimitata da una suggestiva scogliera. Nei pressi del vicino paese di Xagħra (probabilmente il più antico insediamento abitato delle isole maltesi) visitiamo il più significativo esempio dell’architettura preistorica maltese: il tempio di Ggantija. Il complesso megalitico è formato da due templi indipendenti risalenti a epoche diverse, circondati da un muraglione ricurvo: la parte più antica – datata al 3600 a.C. circa – è costituita dalle tre absidi più interne del Tempio Sud. Questo venne poi ingrandito con l’aggiunta di altri due vani absidati diversi secoli più tardi, presumibilmente quando venne eretto il Tempio Nord, oggi meno conservato. I due santuari, che in origine dovevano essere coperti da un tetto di lastre litiche, erano probabilmente legati a un culto della fertilità. Il nome Ggantija deriva dalla parola ggant’, parola maltese per gigante, poiché gli abitanti di Gozo credevano che i templi fossero stati costruiti da una razza di colossi. Questo appellativo è popolarmente usato per indicare un po’ tutti i siti megalitici dell’arcipelago, spesso detti “case dei giganti”. Al termine dell’escursione facciamo rientro a La Valletta, in hotel.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      6° Giorno
      LA VALLETTA - ESCURSIONE A TARXIEN, MARSAXLOKK E HAL SAFFLIENI 
      In mattinata raggiungiamo il complesso templare di Tarxien, uno dei più estesi siti archeologici maltesi, situato a pochi chilometri da La Valletta. Nel cuore del moderno abitato, sorgono tre strutture megalitiche che, pur avendo piante del tutto simili, risalgono a epoche diverse: il più antico risale al  3100 a.C. circa, il più recente al 1800 a.C. All’interno delle tre strutture interconnesse si conservano preziosi esempi di arte preistorica, tra cui vivaci bassorilievi raffiguranti vari animali (tori, scrofe) addomesticati, decorazioni a spirale e una colossale seppure frammentaria statua femminile, raffigurante verosimilmente la Dea Madre. Il sito, come altri sulle isole, è stato recentemente coperto con una tensostruttura protettiva; una passerella sopraelevata ci permetterà di visitare comodamente l’intero, enorme complesso. Più tardi proseguiamo il tour odierno spingendoci fino alle vertiginose e candide scogliere di Dingli, che precipitano verticali in mare da un’altezza di circa 250 metri; dalla loro sommità si gode della splendida vista sulla piccola e disabitata isola di Fifla. Raggiungiamo quindi la località di Wied iz Zurrieq, un suggestivo porticciolo adagiato in una strettissima insenatura nei cui pressi si trova la celebre Blue Grotto, un imponente arco naturale che si apre nelle scogliere sul mare. Da qui ci rechiamo al grazioso villaggio peschereccio di Marsaxlokk (Marsa Scirocco), affollato di luzzu, ossia le tipiche barche da pesca maltesi di origine fenicia e dipinte a vivaci colori, sulla cui prua sono dipinti due occhi propiziatori. È infine il momento di visitare il monumento preistorico più celebre di Malta: l’ipogeo di Hal Saflieni, uno straordinario complesso sotterraneo scavato nella roccia su tre livelli, dapprima utilizzato come santuario e poi trasformato in una necropoli. Scoperto casualmente nel corso di lavori di costruzione nel 1902, si ritiene che risalga a un periodo compreso tra il 3600 e il 2400 a.C. circa. Considerato l’unico tempio sotterraneo preistorico scoperto al mondo, è formato da un dedalo di ambienti in parte connessi tra loro che comprendono la circolare Stanza Principale (nella quale fu rinvenuta la statuetta della Donna dormiente), la rettangolare Stanza dell’Oracolo (dove si trova un foro che trasmette la voce umana in tutto l’ipogeo), la Stanza Decorata (profusamente ornata con motivi geometrici), la Fossa dei Serpenti e il Sancta Sanctorum. Per assicurare la conservazione del monumento, il suo microclima è controllato severamente: per questa ragione, la visita è permessa a un numero massimo di 80 visitatori al giorno. Il tour inizia con una breve mostra introduttiva e la visione di un filmato incentrato sui popoli costruttori dei templi e i rapporti dell'ipogeo con gli altri luoghi di culto a Malta. Verso sera facciamo rientro a La Valletta, in albergo.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      7° GIORNO
      LA VALLETTA - ITALIA
      Dopo la prima colazione, in mattinata trasferimento all’aeroporto, da dove partiamo con il volo di rientro per l'Italia. L'arrivo a destinazione è previsto nel pomeriggio.


      PARTENZE DI GRUPPO


      Quote individuali base 10/15 partecipanti con l'assistenza di specialista archeologo dall'Italia:

      PARTENZE 2020 In doppia  Supplemento 
        singola
      Dal 12 al 18 Aprile (*) € 2880,00 € 1065,00
      Dal 1° al 7 Maggio (*) € 2880,00 € 1065,00
      Dal 1° al 7 Giugno (*) € 2880,00 € 1065,00
      Dal 6 al 12 Settembre (*) € 2880,00 € 1065,00
      Dal 10 al 16 Ottobre (*) € 2880,00 € 1065,00

      Quote dei servizi a terra e tariffe aeree valide fino al 31/10/19

      (*) QUOTE E DATE SONO SOGGETTE A RICONFERMA. RIVOLGERSI AI NOSTRI UFFICI


      La quota comprende

      • I passaggi aerei internazionali con voli di linea Alitalia da/per Milano (classe di prenotazione V: vedere paragrafo alla pagina Informazioni Generali), 23 kg di franchigia bagaglio • I trasferimenti con vetture, minibus o bus a seconda del numero di partecipanti • Sistemazione in hotel indicato in apertura al tour • I pasti dettagliati nel programma • Visite ed escursioni come da programma • Ingressi durante le visite guidate • Assistenza di personale locale qualificato e di guide locali parlanti italiano • Assistenza di specialista archeologo dall’Italia per i gruppi a partire da 10 partecipanti • Assicurazione “Multirischi” inclusa (Annullamento Viaggio, Bagaglio, Assistenza alla Persona e Spese Mediche, Interruzione Soggiorno, Famiglia Sicura)

      La quota non comprende

      • Le tasse aeroportuali e di sicurezza (Euro 90 circa) e le tasse aeroportuali pagabili unicamente in loco • Eventuale introduzione di nuove tasse governative o aumenti delle stesse e aumenti del costo dei biglietti di ingresso ai vari siti di interesse turistico, parchi o riserve naturalistiche di cui non si è a conoscenza al momento della elaborazione delle quote • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

       


      Partenze per individuali


      Quote individuali con assistenza di guida locale parlante italiano
      (non includono i voli):

        PARTECIPANTI

      In doppia

      Supplemento
        singola

      Base 8/9 partecipanti

      € 2060,00 € 1065,00

      Base 2/7 partecipanti

      € 2355,00 € 1065,00

       

      Quote dei servizi a terra e tariffe aeree valide fino al 31/12/19
       

      La quota comprende

      • I trasferimenti con vetture, minibus o bus a seconda del numero di partecipanti • Sistemazione in hotel indicato in apertura al tour • I pasti dettagliati nel programma • Visite ed escursioni come da programma • Ingressi durante le visite guidate • Assistenza di personale locale qualificato e di guide locali parlanti italiano • Assicurazione “Multirischi” inclusa (Annullamento Viaggio, Bagaglio, Assistenza alla Persona e Spese Mediche, Interruzione Soggiorno, Famiglia Sicura)

      La quota non comprende

      • I passaggi aerei internazionali, le tasse aeroportuali e di sicurezza (Euro 90 circa) e le tasse aeroportuali pagabili unicamente in loco • Eventuale introduzione di nuove tasse governative o aumenti delle stesse e aumenti del costo dei biglietti di ingresso ai vari siti di interesse turistico, parchi o riserve naturalistiche di cui non si è a conoscenza al momento della elaborazione delle quote • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

       

      Nota bene

      ● La tariffa dei voli internazionali sarà fornita al momento della prenotazione.

    RESPONSABILITà

    CONCEPT STORE

    TWITTER FEEDS

    Informazioni Legali  |  Privacy  |  EU Safety List  |  Coperture Assicurative

    Il Tucano Viaggi Ricerca di Willy Fassio Srl - Piazza Solferino, 20 - 10121 Torino - Tel. 011 5617061 - Fax 011 544419 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Iscritti nel registro imprese di Torino n° 876529 - P.Iva e codice Fiscale 07255310018 - Capitale Sociale Euro 10.500
    Tucano Viaggi Copyright © 2013 - Powered by coolshop