Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Ok

Facebook

YouTube

DURATA

5 giorni


UN VIAGGIO PER...

Un viaggio di riferimento per chi desidera comprendere l'eredità culturale e storica dell'antica civiltà romana, visitando i siti archeologici che hanno permesso di scoprire gli aspetti della vita quotidiana di un tempo nei dettagli più minuti e intimi. Un’esperienza ricca di emozioni, per rivivere in tutto il suo splendore il fascino di Pompei, Ercolano, Oplonti, così come delle città dell’area flegrea.


 

UN VIAGGIO CON ...

 

 

Fabio Bourbon è un saggista di formazione classica, specializzatosi nella divulgazione della storia delle civiltà del passato e dell’arte antica. Sull’argomento ha scritto numerosi libri, guide archeologiche e articoli giornalistici, tradotti in più lingue e distribuiti in tutto il mondo. Buon conoscitore della civiltà nabatea, ha dedicato alla Città Rosa due opere che hanno conosciuto una vasta diffusione: “Petra. Guida archeologica alla città scolpita nella roccia” e “Guida archeologica a Petra. Storia, civiltà, monumenti”. Questi due libri sono stati accolti presso le raccolte perenni nelle biblioteche di alcune celebri università, tra cui Harvard, Oxford, Cambridge. Le sue ricostruzioni virtuali dei principali monumenti petrei sono stati acquisiti dal Petra National Trust e, riprodotti su grandi pannelli esplicativi, utilizzati sul posto. Accanto alla grande passione per l’archeologia, nutre un eguale entusiasmo per il viaggio, inteso come mezzo di accrescimento personale e confronto con genti, idee, costumi: dalle sue esperienze in giro per il mondo ha tratto spunto per una ventina di monografie dedicate a nazioni e grandi città, anch’esse tradotte in più lingue e pubblicate in molti Paesi. Poiché viaggiare è un po’ come innamorarsi, negli anni ha coltivato una passione particolare per terre diversissime tra loro come l’Islanda, la Turchia, le Isole Azzorre, dove è ritornato a più riprese per approfondirne la conoscenza e allargare i suoi orizzonti culturali.

Vedere il Nota bene


 I VOSTRI ALBERGHI

Napoli: Magri's Hotel 4* (o similari)
 

Mezzi di trasporto

Minibus o bus a seconda del numero di partecipanti.


 

Da sapere

Il tour non è particolarmente impegnativo, ma prevede giornate di visita alquanto intense (soprattutto a Pompei), che però permettono di scoprire in tutta la loro magnificenza i più importanti monumenti dei vari siti archeologici. Occorre quindi una naturale propensione alle camminate. Alcuni ambienti sotterranei (Antro della Sibilla, Neapolis Sotterrata), anche se ben illuminati potrebbero creare difficoltà a quanti soffrono di claustrofobia.


 

Quando partire...

La primavera e l’autunno sono le stagioni più gradevoli.


 

In questo viaggio il patrimonio UNESCO

- Area archeologica di Pompei

- Area archeologica di Ercolano

- Centro storico di Napoli


 

Questo viaggio prevede le seguenti partenze di gruppo

  • Sabato, 28 Settembre 2019
  • Mercoledì, 24 Giugno 2020
  • Sabato, 26 Settembre 2020
  • CAMPANIA - DAI CAMPI FLEGREI A POMPEI

    Quote a partire da € 1.500 - 5 giorni
    I TOUR ARCHEOLOGICI

    • La scoperta di Pompei e delle altre città vesuviane, la cui vita fu drammaticamente interrotta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., ha rappresentato un momento fondamentale per la comprensione del mondo romano; gli scavi nell’area vesuviana – così come quelli nell’area flegrea, da Baia, a Cuma, a Bacoli, sebbene in maniera diversa – ci offrono un’immagine intatta della vita antica, cristallizzata come in un’istantanea fotografica, non contaminata dal progredire del tempo. Pompei, Ercolano, Oplonti non hanno restituito solo i tesori vagheggiati nell’immaginario collettivo, ma anche e soprattutto la quotidianità della vita con tutti i suoi multiformi aspetti e le architetture, dalle forme più nobili alle soluzioni più semplici: così, ecco apparire davanti ai nostri occhi il mondo di un tempo in tutta la sua complessità, dopo secoli di oblio. Conoscere queste città significa dunque aprire un ineguagliabile squarcio nel passato, ed è innegabile il senso di genuino stupore che rapisce anche il visitatore meno preparato quando percorre le antiche strade selciate, entra nella gran piazza del Foro, osserva le case, le botteghe, i laboratori artigiani, i luoghi di ristoro, le pitture dai colori vivaci, gli splendidi mosaici, gli oggetti di uso comune. Davvero sembra che dietro l’angolo si possa incontrare la giovane ancella che va a riempire la brocca alla vicina fontana, il gruppetto di uomini che discutono animatamente di sport o di politica, l’oste che si lamenta per i pochi clienti. Questo viaggio, breve ma intenso, ci consente di incontrare il nostro passato e di osservare il presente sotto un’ottica diversa.

       

      Giorno per giorno

       

      1° Giorno
      NAPOLI
      Arrivo a Napoli in mattinata, trasferimento e sistemazione in albergo. Nel pomeriggio visitiamo il celebre Museo Archeologico Nazionale, nel quale sono esposti i più importanti reperti venuti alla luce durante gli scavi di Pompei, Ercolano, Oplonti e Stabia, oltre che dai siti dell’area flegrea. Poiché vanta il più ricco e pregevole patrimonio di opere d'arte e manufatti di interesse archeologico in Italia,  è considerato uno dei più importanti musei archeologici al mondo se non il più importante per quanto riguarda la storia dell’epoca romana. Straordinarie sono le collezioni degli affreschi, quelle dei mosaici e quelle di statuaria, oltre che la sezione dedicata ai reperti provenienti dalla Villa dei Papiri di Ercolano.
      Pernottamento.

       

      2° Giorno
      BACOLI - BAIA - CUMA - POZZUOLI
      La nostra prima meta è la località balneare di Bacoli, l’antica Bauli, che conobbe il massimo splendore in età imperiale, quando il vicino porto di Misenum costituiva il più potente scalo militare del Tirreno. Oggi vi si può ammirare la cosiddetta “Piscina Mirabile”, il più grande serbatoio di acqua potabile di tutta l’antichità. Interamente scavata nel tufo, è una sorta di “cattedrale sotterranea” alta 15 metri, lunga 72 e larga 25, coperta da volte a botte sostenute da 48 pilastri cruciformi. Costruita in età augustea quale terminale dell’acquedotto del Serino, era capace di 23.000 metri cubi d’acqua e assicurava l’approvvigionamento idrico alla flotta militare imperiale. Nei dintorni si trovano anche le “Cento Camerelle”, complesso di serbatoi idrici di una grande villa romana e il “Sepolcro di Agrippina”, in realtà l’odeon di un’altra villa romana. Raggiungiamo poi Baia, affacciata sul golfo di Pozzuoli. Grazie alla sua incantevole posizione e alla presenza di sorgenti calde, in epoca romana fu un celebre luogo di villeggiatura e cure termali, tanto che i più ricchi e famosi personaggi del tempo – compresi molti imperatori – vi costruirono le loro ville. Per ordine di Augusto qui sorse un enorme complesso termale, poi ampliato nei secoli successivi, dove furono sperimentate le più avanzate tecniche architettoniche, in seguito introdotte nella capitale come testimonia il cosiddetto “Tempio di Mercurio”, in realtà un ambiente termale, la cui cupola come dimensioni è la metà del Pantheon. Altre due enormi sale coperte da cupole sono i cosiddetti “Tempio di Diana” (la cui volta è conservata a metà) e “Tempio di Venere”. Tra questi mirabili edifici si estende un esteso complesso di terrazze, portici e ambienti ornati da mosaici e statue. È poi la volta dell’importante sito archeologico di Cuma. Fondata da coloni greci già nell'VIII secolo a.C., la città fu assai fiorente prima di essere soggiogata dai Sanniti e poi dai Romani, che la arricchirono di molti monumenti; decadde e fu abbandonata nel Medioevo. Oggi vi si può visitare l’Antro della Sibilla Cumana, uno dei più venerati santuari del passato, costituito da una galleria a sezione trapezoidale lunga circa 132 metri, che termina in un ambiente voltato dove vaticinava la Sibilla. Si tratta di un’opera greca del VI-V secolo a.C., più volte ampliata e trasformata. Nei pressi si apre la cosiddetta “Cripta romana”, in realtà una galleria di 180 metri che attraversa il colle di Cuma, scavata ai tempi di Augusto; assieme alla spettacolare “Grotta di Cocceio”, tunnel lungo un chilometro, serviva a collegare l’Acropoli di Cuma con il lago d’Averno. Sull’Acropoli, ancora cinta da tratti di mura greche e romane, sorgono i resti del tempio di Apollo e del Tempio di Giove. Nel fondovalle tra l’Acropoli e il Monte Grillo vi sono i ruderi del Foro, di un grande anfiteatro e il “Sepolcro della Sibilla”. Il monte Grillo fu tagliato per farvi passare la Via Domiziana (I sec. d.C.), che viene qui scavalcata dal grandioso Arco Felice, un viadotto in laterizio sul quale passava un’altra strada. Rientrando a Napoli facciamo ancora una breve sosta a Pozzuoli, l’antica Puteoli, presso i resti del cosiddetto “Tempio di Serapide”, qui illustrato; in realtà era il locale mercato (macellum), costituito da una piazza porticata al cui centro si ergeva una struttura circolare, coperta da una cupola, della quale rimangono le colonne corinzie. Il monumento, soggetto a bradisismo, è oggi in parte sommerso. Concludiamo le visite con l’Anfiteatro Flavio, uno dei più grandi della romanità (149 x 116 metri), che fu eretto all’epoca di Vespasiano (I sec. d.C.); l’esterno è a tre ordini di arcate, mentre l’interno conserva parte della cavea, gli ambulacri e i sotterranei. Nel tardo pomeriggio facciamo rientro in albergo, a Napoli.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      3° Giorno
      POMPEI
      L’intera giornata è dedicata alla visita di uno dei siti archeologici più famosi al mondo (dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO), le cui rovine straordinariamente ben conservate aprono una finestra eccezionalmente vivida sulla vita di una città romana ai tempi dell’impero. La storia di Pompei è tanto affascinante, quanto tragica: la città campana, fondata dall’antico popolo italico degli Osci nell’VIII secolo a.C. e divenuta in epoca romana un florido centro commerciale e industriale, con circa 20.000 abitanti, venne sepolta da una fitta pioggia di lapilli e ceneri durante l’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Riportati alla luce a partire dal 1784, gli edifici di Pompei hanno restituito un’enorme quantità di suppellettili, attrezzi, mobili, stoviglie, statue, oltre alle superbe decorazioni ad affresco e a mosaico, che hanno permesso di ricostruire nei minimi particolari la vita quotidiana dei Romani nel I secolo d.C. La città aveva pianta ellittica, era cinta da mura turrite e suddivisa in quartieri da strade rettilinee (cardi e decumani) incrociantisi ad angolo retto. Molti dei maggiori monumenti pubblici sono concentrati attorno al Foro principale, ove sorgono tra l’altro il Tempio di Giove, i templi di Apollo e di Vespasiano, il Macellum (mercato alimentare), l’Edificio di Eumachia, la Basilica e due archi onorari. Nel tessuto urbano spiccano altri grandi edifici come le Terme del Foro, le Terme Centrali e quelle Stabiane, splendidamente conservate, il Teatro Grande e il magnifico Teatro Piccolo (o Odeon), l’elegante Tempio di Iside, l’Anfiteatro. Sono tuttavia ancora più interessanti i quartieri di abitazione, che offrono disparati esempi di tipi edilizi, dalle semplici case con cortile interno (atrium), alle ricche dimore dotate di giardino e porticato (peristilium), tra cui spiccano la Villa dei Misteri coi suoi favolosi affreschi, la Casa del Fauno e la Casa dei Vettii; le pitture murali di tali edifici sono fondamentali per la conoscenza dei vari stili artistici romani. Innumerevoli sono inoltre gli esercizi commerciali – dalle botteghe (tabernae) alle osterie (cauponae), dai bar (thermopolia) alle tintorie (fullonicae) – molti dei quali sono allineati lungo la Via dell’Abbondanza. Una parte dei reperti rinvenuti negli scavi è oggi esposta nel locale Antiquarium; oltre ad affreschi, statue, fregi, suppellettili si possono osservare i calchi di alcune vittime dell’eruzione, che testimoniano con drammatica evidenza la fine improvvisa della città. Al termine della visita facciamo rientro a Napoli.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      4° Giorno
      ERCOLANO - OPLONTIS - STABIA
      In mattinata un breve trasferimento ci conduce nel sito archeologico di Ercolano (Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO), il cui abitato, sebbene l’area riportata alla luce non sia di grande estensione, è perfino meglio conservato di quello di Pompei. Secondo la leggenda fondata da Ercole sulle pendici del Vesuvio, in realtà Ercolano venne eretta nel V secolo a.C. da coloni greci con il nome di Heracleia; questo fu mutato in Hercolaneum attorno al 307 a.C., quando il centro entrò nella sfera d’influenza romana. Divenuta ormai un celebrato luogo di villeggiatura per la sua bella posizione sul golfo di Napoli, nel 79 d.C. venne annientata dalla disastrosa eruzione del Vesuvio, che la seppellì sotto oltre 15 metri di fango vulcanico, trasformatosi nei secoli in tufo. Se, da una parte, la durezza del terreno ha sempre reso assi difficoltosi gli scavi, dall’altra ha però permesso l’eccezionale conservazione non solo delle strutture architettoniche, ma anche dei materiali deperibili come il legno, i rotoli dei libri e perfino le derrate alimentari! Oggi solo una parte dell’abitato, pressoché intatto, è stato riportato alla luce, mentre diversi quartieri giacciono sotto l’attuale città e vengono esplorati dagli archeologi per mezzo di cunicoli. Ercolano è a pianta regolare, con i decumani che vanno da nord a sud e i cardini orientati da est a ovest; lungo le strade pavimentate si affacciano edifici pubblici e privati, questi ultimi comprendenti diverse botteghe e luoghi di ristoro. Tra le abitazioni, che ancora custodiscono almeno in parte mobilia e suppellettili, spiccano la Casa del tramezzo di legno, la Casa di Nettuno e Anfitrite (ove si trovano il negozio meglio preservato dell’antichità e lo splendido mosaico che le ha dato il nome) e la superba Casa dei cervi (sontuosa dimora che deve il nome a due sculture marmoree). Di grande interesse sono anche le Terme, dagli ambienti riccamente decorati; la Palestra, dalla splendida fontana; le Terme suburbane e il Collegio degli Augustali. Il teatro, purtroppo, è visitabile solo mediante un sistema di tunnel scavati nel tufo. Conclusa la visita ci spostiamo nella vicina Torre Annunziata; l’odierno centro, noto per le sorgenti d’acque medicamentose, sorge sui resti dell’antica Oplonti, sepolta dall’eruzione del 79 d.C. Con ogni probabilità era un quartiere suburbano residenziale di Pompei, costituito da ville sorte lungo la costa e intorno a un centro termale del quale sono visibili i resti sotto le attuali Terme Vesuviane. Importanti scavi archeologici hanno riportato alla luce due grandi insediamenti abitativi. La Villa di Poppea Sabina, risalente al I secolo a.C. e forse appartenuta alla seconda moglie di Nerone, vanta meravigliose pitture del Secondo Stile pompeiano, molte pregevoli sculture marmoree e un’enorme piscina natatoria. La seconda, a due piani e a carattere rustico, datata al II secolo a.C., presenta vari ambienti destinati a depositi vinicoli e un bel quadriportico dorico di epoca sannitica. La tragica eruzione del 79 d.C. distrusse anche la vicina Stabia, oggi nel territorio di Castellammare di Stabia, ove gli scavi archeologici hanno rimesso in luce due grandiose ville (note come Villa San Marco e Villa Arianna), i cui molti ambienti sono decorati da affreschi e mosaici. Nel tardo pomeriggio rientriamo a Napoli.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      5° Giorno
      NAPOLI 
      In mattinata concludiamo questo breve ma intenso viaggio con una passeggiata nel centro storico di Napoli (dichiarato anch’esso Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO) e un’ultima emozione: gli scavi archeologici di San Lorenzo Maggiore (Neapolis sotterrata), dove possiamo osservare – a circa 10 metri di profondità rispetto al livello delle vie odierne – i resti dell’antico foro romano di Neapolis. Percorrere i cunicoli, ariosi e ben illuminati, consente di compiere un autentico salto indietro nel tempo di oltre due millenni, vivendo un’esperienza del tutto inusitata. Nel primo pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza con il volo di rientro.


      PARTENZE DI GRUPPO


      Quote individuali base 11/15 partecipanti con l'assistenza di specialista archeologo dall'Italia:

       PARTENZE 2019

      In doppia

      Supplemento 
        singola

       Dal 28 Settembre al 2 Ottobre
       con specialista archeologo Fabio Bourbon

      € 1500,00

      € 400,00

       PARTENZE 2020

      In doppia

      Supplemento 
        singola

       Dal 24 al 28 Giugno (*)
       con specialista archeologo Fabio Bourbon
       € 1500,00  € 400,00
       Dal 26 al 30 Settembre (*)
       con specialista archeologo Fabio Bourbon
       € 1500,00  € 400,00

      Quote dei servizi a terra e tariffe aeree valide fino al 15/10/19

      (*) QUOTE E DATE SONO SOGGETTE A RICONFERMA. RIVOLGERSI AI NOSTRI UFFICI


      La quota comprende

      • I trasferimenti con vetture, minibus o bus a seconda del numero di partecipanti • Sistemazione in hotel 4 stelle • I pasti dettagliati nel programma • Visite ed escursioni come da programma • Ingressi durante le visite guidate • Assistenza di personale locale qualificato e di guide locali parlanti italiano • Assistenza di specialista archeologo dall’Italia per i gruppi a partire da 10 partecipanti • Assicurazione “Multirischi” inclusa (Annullamento Viaggio, Bagaglio, Assistenza alla Persona e Spese Mediche, Interruzione Soggiorno, Famiglia Sicura)

      La quota non comprende

      • I passaggi aerei e le rispettive tasse  aeroportuali • Eventuale introduzione di nuove tasse governative o aumenti delle stesse e aumenti del costo dei biglietti di ingresso ai vari siti di interesse turistico, parchi o riserve naturalistiche di cui non si è a conoscenza al momento della elaborazione delle quote • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

      Nota bene

      ● La tariffa dei voli internazionali sarà fornita al momento della prenotazione.

      • Se per motivi non imputabili alla sua volontà, l’accompagnatore specialista non potesse condurre il viaggio – a titolo esemplificativo per motivi di malattia o altro legittimo ed improcrastinabile impedimento – provvederemo ad assegnare un altro accompagnatore con analoga specializzazione. Qualora non fosse disponibile, assegneremo uno dei nostri migliori accompagnatori professionisti. 

       Lo specialista al seguito dei gruppi è lo studioso, il ricercatore, il docente universitario che garantisce l'assistenza scientifica e un importante supporto culturale offrendo ai viaggiatori le chiavi per cogliere le forme di un paesaggio o decifrare siti e rovine archeologiche, per avvicinare e interpretare le peculiarità culturali, storiche e linguistiche di un Paese.

       


    RESPONSABILITà

    CONCEPT STORE

    TWITTER FEEDS

    Informazioni Legali  |  Privacy  |  EU Safety List  |  Coperture Assicurative

    Il Tucano Viaggi Ricerca di Willy Fassio Srl - Piazza Solferino, 20 - 10121 Torino - Tel. 011 5617061 - Fax 011 544419 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Iscritti nel registro imprese di Torino n° 876529 - P.Iva e codice Fiscale 07255310018 - Capitale Sociale Euro 10.500
    Tucano Viaggi Copyright © 2013 - Powered by coolshop