Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Ok

Facebook

YouTube

DURATA

20 giorni

PARTENZA DI GRUPPO CON ACCOMPAGNATORE DALL'ITALIA:
DAL 7 AL 26 AGOSTO 2019

PARTENZE INDIVIDUALI A DATE LIBERE MINIMO 2 PARTECIPANTI


UN VIAGGIO PER...

Un viaggio per tutti coloro che hanno spirito di adattamento e buona forma fisica, indispensabili per visitare certe zone. Qualche levataccia, alcune distanze lunghe da coprire, una varietà inusuale di mezzi di trasporto, qualche breve e facile trekking, non tutti gli hotel dello stesso livello (ma in alcuni luoghi non ci sono alternative). Un viaggio per tutti i “veri viaggiatori”.


UN VIAGGIO CON

COSMINA MAZZARIELLO ACCOMPAGNA LA PARTENZA DAL 7 AL 26 AGOSTO 2019

 

Nata a Milano, Cosmina ha trasformato la passione per i viaggi in professione accompagnando gruppi di viaggiatori in Thailandia, Indonesia, Malesia, Birmania, Vietnam, Cambogia, Maldive, Seychelles, Mauritius e le isole dei Caraibi. Ha trascorso diversi mesi in Asia attraversandola in lungo e in largo con uno zaino in spalla in totale libertà e all'insegna dell'avventura. Appassionata di natura e amante degli animali, Cosmina è mossa da una forte curiosità che la spinge a conoscere luoghi e condividere esperienze con persone nuove ogni volta.


 

I VOSTRI ALBERGHI

Giacarta: Alila Jakarta 4* (Deluxe Room)
Sengkang: BBC Hotel 3* (Standard Room)
Rantepao: Toraja Heritage 4* (Superior Room)
Makassar: Aston Makassar 4* (Superior Room)
Yogyakarta: Royal Ambarrukmo 5* Sup. (Deluxe Room)
Salatiga: Kayu Arun 4* (Deluxe Room)
Wonosobo: Kresna Hotel 4* (Deluxe Room)
Borobudur: Plataran Heritage 4* Sup. (Deluxe Room)
Yogyakarta: The Phoenix M Gallery 4* Sup. (Deluxe Room)
Bromo: Jiwa Jawa Bromo, 4* (Deluxe Room)
Ijen: Jiwa Jawa Ijen, 4* (Deluxe Room)/Ketapang Indah 3* Sup. (Deluxe Garden)
Lovina: The Lovina 4* (Deluxe Room)
Umabian: Puri Taman Sari 3* Sup. (Deluxe Room)
Sanur: Segara Village 4* Sup. (Deluxe Room)

 

MEZZI DI TRASPORTO

Veicoli con aria condizionata, traghetti locali. Alcune escursioni prevedono inoltre brevi tratti a dorso dei piccoli cavalli indonesiani.


Da sapere

Si tratta di un viaggio per viaggiatori, non per turisti. In alcuni luoghi ci si arriva solo a piedi, per cui è necessario essere muniti di un buon paio di scarpe possibilmente con le suole antisdrucciolo. La stessa visita al complesso di Borobudur, pur tenuto molto bene, comporta svariati saliscendi su scalini di varie dimensioni ed altezze. I percorsi a piedi a Tanah Toraja in genere sono facili ed è possibile scegliere la lunghezza del trekking che si desidera fare, oppure attendere i propri compagni di viaggio in auto per raggiungerli alla loro meta finale. I percorsi nelle risaie sono ovviamente su piccolissimi sentieri che dividono i campi, dove è impossibile arrivare con mezzi di trasporto. Le distanze in Sulawesi sono notevoli e i tempi di trasferimento lunghissimi, ma non esiste aeroporto a Rantepao e se si vuol visitare Tanah Toraja non c’è altro modo che andarci per strada. Gli hotel, a parte le zone più turistiche, sono i migliori disponibili e in alcuni casi non al livello degli standard europei. Alcuni hotel invece sono molto belli, dove esistono! In ogni caso sono tutti hotel puliti e con servizi privati, la stragrande maggioranza con aria condizionata. L’hotel di Umabian è molto particolare poiché è stato costruito come una casa tradizionale, con numerosi padiglioni e le stesse camere radunati come in un piccolo villaggio, circondato da risaie, con una vista da togliere il fiato e una piscina deliziosa per rilassarsi. Vista la scarsa propensione di molti a fermarsi a Jakarta dove, siamo i primi ad ammetterlo, la popolazione tende ad essere un po’ “turbolenta”, è stata una precisa scelta di chi ha ideato il viaggio di proseguire immediatamente da Jakarta per Makassar anche se questo giorno risulta un po’ faticoso dopo il lungo viaggio aereo.


Quando partire

Il periodo migliore per effettuare questo viaggio va da maggio a ottobre, tenendo presente che le distanze sono notevoli, per cui non ci si può aspettare un’uniformità nel clima. Alcune isole sono sopra l’Equatore, altre sotto; nelle zone di montagna fa freddo, nelle zona di pianura fa caldo (ma mai un caldo torrido, le temperature sono comunque mitigate dalle brezze marine), tra le risaie è umido, ma in generale è sicuramente il periodo in cui le precipitazioni sono ridotte al minimo per non dire quasi assenti. Al Plateau di Dieng può fare freddo, con temperature intorno ai 14°C, pertanto è bene bene portare con sé indumenti adatti così come durante l’escursione al mattino al Bromo. Per approfondimenti sul clima nei vari periodi dell’anno, fare riferimento alla pagina “Lontano Oriente - Il clima”.


In questo viaggio il Patrimonio Unesco

- Il complesso di Borobudur
- I templi di Prambanan
- I paesaggi delle risaie di Bali e Pura Taman Ayun


 

INDONESIA - TANAH TORAJA E I VULCANI DI GIAVA

Quote a partire da € 3.595 - 20 giorni - Partenze a date libere su richiesta
ITINERARIO PER GRANDI VIAGGIATORI

  • Indonesia, Insulindia, Nusantara, le Indie Orientali, 13677 isole che cingono l’Equatore come un diadema di smeraldi, più di 250 milioni di persone che parlano centinaia di lingue diverse, un mosaico etnico tra i più ricchi del mondo. Chi visita oggi l’Indonesia è l’erede di una lunga serie di viaggiatori, fra i quali fu l’intrepido monaco cinese Fa Hsien, il primo a raccontare per iscritto dopo aver fatto naufragio sulle coste di Giava nel 412 a.C. Vi soggiornarono poi Marco Polo di rientro in Italia, Ferdinando Magellano mentre cercava le Molucche e il Capitano Cook che riparò a Batavia (Jakarta) al ritorno dalla sconosciuta Irian Jaya. Con un’estensione tra un capo e l’altro di questa sterminata nazione pari alla distanza tra l’Irlanda e il Mar Caspio, è evidente che con un solo viaggio non si può dire di aver visitato l’Indonesia, perché sarebbe riduttivo; noi proponiamo quest’anno un itinerario arricchito di mille novità attraverso la coltissima Giava, tra i pittoreschi paesaggi di Tanah Toraja, i Bugis costruttori di barche e una splendida Bali sconosciuta, tra risaie e spiagge di sabbia nera. Un itinerario per grandi viaggiatori ma soprattutto per veri intenditori, attratti da panorami di vulcani produttori di zolfo, dai palazzi delle corti dell’orgogliosa nobiltà di Giava Centrale, che fu d’ispirazione alla costruzione di Angkor, dalle straordinarie barche nel cielo dei Toraja e da Bali.

     

    Giorno per giorno 

     

    1° GIORNO
    ITALIA - JAKARTA
    Partenza dall’Italia, via Hong Kong, per Jakarta, con arrivo il giorno successivo.

     

    2° GIORNO
    JAKARTA
    Arrivo a Jakarta, trasferimento e sistemazione in hotel.
    Cena e pernottamento.

     

    3° GIORNO
    JAKARTA - MAKASSAR - SENGKANG
    (Makassar - Sengkang: 190 km, 6 ore circa)
    Al mattino trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Makassar. All’arrivo trasferimento a Sengkang, già capitale del regno Bugis, che si affaccia sul lago Tempe, il più grande di Sulawesi. Arrivo nel tardo pomeriggio e sistemazione in hotel.
    Pensione completa con pranzo in un ristorante locale e cena in hotel (banchetto tipico bugis). 

     

    4° GIORNO
    SENGKANG - LAGO TEMPE - ENREKANG - RANTEPAO
    (Sengkang - Enrekang: 150 km, 5 ore circa; Enrekang - Rantepao: 75 km, circa 2 ore)
    Sveglia al mattino presto e breve trasferimento al molo per imbarcarsi su di un’imbarcazione locale e visitare il pittoresco lago Tempe e le tradizionali case galleggianti bugis. Avrete l’opportunità, a bordo di una classica barca “long tail”, di passare attraverso questo curioso villaggio e visitare una casa locale per una tazza di tè o caffè. Gli abitanti del posto si dedicano alla pesca e all’essicazione del pesce. I Bugis appartengono ad uno dei tanti gruppi etnici presenti in Indonesia, il più numeroso tra quelli presenti nel Sud di Sulawesi. I loro progenitori, austronesiani, si stabilirono in questa zona circa 2500 anni prima di Cristo, secondo studi recenti, provenendo probabilmente da Taiwan. Animisti fino all’inizio del XVII secolo, la maggior parte di loro si convertì all’Islam, tuttavia ancora oggi alcuni conservano le credenze tradizionali chiamate Tolotang. Malgrado il numero piuttosto esiguo di persone, rapportato alla popolazione totale dell’Indonesia (circa 7 milioni di abitanti contro più di 250 milioni), i Bugis sono un’etnia molto potente che ha influenzato la politica attuale dell’Indonesia. Molti Bugis oggi vivono nelle grandi città di Makassar e Pare Pare, ma la maggioranza è costituita da contadini che coltivano riso nelle pianure situate a Nord e Ovest di Maros. Parlano un dialetto chiamato Bahasa Ugi, come molti dialetti diverso da zona a zona, ma sufficientemente diverso dal Bahasa Indonesia tanto da poter esser considerato una lingua a sé stante. Nel primo pomeriggio partenza per Enrekang. Proseguimento per Rantepao attraverso splendidi paesaggi collinari. Arrivo a Rantepao, capitale della regione dei Toraja, nel tardo pomeriggio, e sistemazione in hotel.
    Pensione completa.

     

    5° GIORNO
    RANTEPAO (TANAH TORAJA)
    Intera giornata dedicata alla visita della parte meridionale di Tanah Toraja, la terra dei Toraja, popolo dalle stupefacenti abitudini in materia di funerali e sepolture. Nonostante il lungo conflitto con i Bugis, i Toraja sono venuti veramente a contatto con l’Occidente soltanto all’inizio di questo secolo. Il nome Toraja deriva letteralmente da “to riaja” cioè “la gente delle montagne”, che si concentra essenzialmente intorno a Makale e Rantepao. I funerali sono importantissimi presso i Toraja, in quanto in assenza di adeguati riti funebri lo spirito di un defunto procurerà tante disgrazie alla sua famiglia. I sacrifici, le feste funebri, le cerimonie hanno lo scopo di impressionare gli dei, convincendoli dell’importanza del defunto, con il risultato che lo spirito del morto potrà interferire in favore dei membri della famiglia ancora in vita (*). Ciò che colpisce è inoltre la bellissima architettura delle case, molto decorate e con i tetti dalla caratteristica forma a “barche nel cielo”. Le case si chiamano “tongkonan” e, come a Sumatra, sono edificate su palafitte: la loro funzione è strettamente legata alle tradizioni dei Toraja, in quanto la loro funzione precipua è quella di ricordare costantemente l’autorità delle antiche famiglie nobili. Si visiteranno due dei villaggi più tradizionali di Tanah Toraja: Lemo e Suaya, circondati da alte pareti rocciose a picco sul villaggio, nelle quali sono stati scavati i singolari sepolcri per gli abitanti del luogo, dai quali si affacciano i tau tau, effigi della nobiltà ivi sepolta. Breve sosta a Kenbira, prima di raggiungere Maruang. Il pranzo sarà servito in un tongkonan, dove si potranno vedere da vicino le caratteristiche architettoniche di questo particolare stile di case. Nel pomeriggio la visita prosegue con Londa, dove i sarcofagi dei defunti sono letteralmente “appesi” alle rocce circostanti con corde e tiranti. Si prosegue poi per Kete Kesu, il villaggio con la maggior concentrazione di magnifici tongkonan dalle facciate scolpite a bassorilievo dipinte a colori vivaci e arricchite con teste di bufalo nel caso delle famiglie più ricche. Al termine delle visite rientro in hotel.
    Pensione completa che include il pranzo al tongkonan e la cena in hotel. 

    (*) Nota bene: Agosto è mese di funerali, poiché le scuole sono chiuse e tutta la famiglia, che nella maggior parte dei casi è disseminata per tutta l’Indonesia, si raduna in occasione del funerale. Non è possibile prevedere se riusciremo a partecipare a un funerale, le date vengono stabilite dagli sciamani, ma se così fosse l’ordine delle visite potrebbe subire un cambiamento. Un funerale di Toraja è un’occasione fotografica da non perdere, che ha la precedenza su tutto sempre ammesso che siate propensi a vedere spettacoli un po’ crudi (durante i funerali i bufali vengono sgozzati); chi non vuole partecipare attenderà i compagni di viaggio al mercato di Rantepao o sul minibus, a seconda di dove si trova il funerale. È bene tenere a mano un po’ di spiccioli, poiché se si va al funerale si porta al capofamiglia una stecca di sigarette indonesiane profumate ai chiodi di garofano.

     

    6° GIORNO
    RANTEPAO (TANAH TORAJA)
    Dopo una visita al mercato dei bufali e maiali di Bolu (se giorno di mercato, che si tiene due volte la settimana) oppure del mercato locale di Rantepao, visita di Palawa, con la struttura del villaggio tradizionale Toraja, e proseguimento per Batutumonga, da cui si può godere di una vista impagabile sulla vallata. Nel pomeriggio passeggiata di 2 ore circa attraverso deliziosi villaggi Toraja. Arroccati sulle pendici del monte Sesean, questi villaggi godono di una vista impagabile sulle risaie da cui emergono piccole colline di roccia vulcanica nera, ricordo di antiche eruzioni. Con un trekking di un’ora si raggiungono i villaggi di Lempo e Tinongbayo, mentre una facile passeggiata in discesa di due ore permette di raggiungere Bori e Tikala, dove si possono incontrare gli abitanti del posto e conoscerne usi e abitudini, tra le quali il “cerchio degli antenati” costituito da pietre ognuna delle quali rappresenta un defunto nobile del villaggio. Proseguimento per Todi, dove si vedrà una tessitura dove vengono prodotti i tradizionali ikat, caratteristici di Tanah Toraja. L’ultima sosta sarà a Marante, rinomato per i suoi tau tau appollaiati in alto su una falesia. Rientro a Rantepao.
    Pensione completa.

     

    7° GIORNO
    RANTEPAO - PARE PARE - MAKASSAR
    (Rantepao - Pare Pare: 175 km, 5 ore e mezza di strada asfaltata abbastanza buona; Pare Pare – Makassar: 155 Km, circa 4 ore)
    Giornata molto intensa che inizia di primissima mattina. Partenza per il lungo percorso di rientro a Makassar, passando attraverso diversi villaggi bugis costituiti da case costruite su palafitte sullo sfondo dei quali si stagliano le montagne del centro dell’isola. Dopo una sosta a Pare Pare per il pranzo, proseguimento per Makassar. All’arrivo sistemazione in hotel.
    Pensione completa.

     

    8° GIORNO
    MAKASSAR - YOGYAKARTA
    La mattinata sarà dedicata alle visite di Makassar. Chiamata dal 1971 al 1999 Ujung Pandang, Makassar porta il nome dell’etnia omonima che abita la regione circostante: un popolo di marinai che, ai tempi del Regno indipendente di Gowa, erano diventati una potenza marittima così importante da raggiungere addirittura le coste dell’Australia. Per un lungo periodo, infatti, lo Stato indipendente, visitato inizialmente dai navigatori portoghesi, aveva saputo conservare una sostanziale libertà di commercio, concedendo ad ogni navigatore il diritto di commerciare in città. La crisi coincise con il consolidamento del potere della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, che aveva progressivamente sostituito i portoghesi: essa desiderava imporre il proprio monopolio commerciale, specie nel commercio delle spezie, riuscendo, infine, nell'intento nel 1667, quando, alleata del sultano di etnia bugis di Boné, assalì e catturò Makassar, riducendola ad uno scalo commerciale secondario (dal momento che l'intero sistema olandese era incentrato sull'emporio di Batavia). Una situazione che durò sino al 1848, allorché le venne concesso lo statuto di “porto libero”, sul modello della britannica Singapore. Prima tappa il Fort Rotterdam, uno dei forti olandesi meglio conservati di tutta l’Indonesia, recentemente restaurato, e apprenderemo di più sulla straordinaria mescolanza di popoli di Sulawesi al piccolo Museo La Galigo che si trova all’interno del forte. Si prosegue il tour percorrendo a piedi le strade del porto di Paotere, dove si vedranno i famosi phinisi, gli schooner tradizionali in legno dei Bugis che vengono costruiti ancora oggi in Sud Sulawesi. Nel pomeriggio, tempo a disposizione per girovagare tra le botteghe di artigianato di Jalan Sumba Opu. Più tardi trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Yogyakarta. Arrivo e trasferimento in hotel.
    Pensione completa.

     

    9° GIORNO
    YOGYAKARTA - PRAMBANAM - SALATIGA
    (Yogyakarta - Prambanan: 17 km, mezz’ora circa; Prambanan - Salatiga: 60 km, 2 ore e mezza circa)
    Dopo la prima colazione la mattinata è dedicata alla visita dell’elegante città di Yogyakarta, comunemente chiamata Jogya. Fondata nel 1755, Jogya si trova nel cuore di un’antica regione nota col nome di Mataram e sede dei primi grandi imperi del centro di Giava. Dall’VIII all’inizio del X secolo, questa fertile pianura tra i fiumi Progo e Opak fu governata da una serie di re indianizzati, che fecero costruire Borobudur, Prambanan e decine di altri elaborati monumenti in pietra. Intorno al 928, tuttavia, i sovrani spostarono improvvisamente la capitale nell’est di Giava e la zona rimase per circa sei secoli quasi disabitata. Alla fine del XVI secolo, con l’arrivo di una nuova potenza islamica, che aveva sede a Kota Gede, poco a est dell’attuale Yogyakarta, la zona riprese l’antico splendore. La visita inizia con il Museo Sonobudoyo, aperto nel 1935 dal Java Institute e disegnato dall’architetto Kresten: incentrato sulla cultura giavanese, ospita attualmente manufatti preistorici, bronzi induisti e buddhisti, marionette wayang, costumi da ballo e tradizionali armi tra cui spicca una bella collezione di kris, i tipici pugnali. Una breve passeggiata ci porta poi al Keraton, il Palazzo del Sultano, fatto costruire tra il 1756 e il 1790, tuttora residenza del Sultano e della sua famiglia, per un’introduzione al notevole patrimonio storico e artistico dell’isola di Giava. In particolare, verrà fatta notare l’architettura del palazzo che riflette l’ordine cosmologico giavanese: secondo la tradizione, infatti, il sultano è l’ombelico dell’universo e punto di comunicazione con la divinità, per cui il palazzo è città capitale e centro del cosmo. Proseguimento in becak (quelli che una volta si chiamavano rikshaw con termine cantonese) per Taman Sari, con una sosta lungo il percorso al vecchio mercato degli uccelli. Taman Sari è il Giardino d’estate dei sultani, vecchio di più di 200 anni, dove la famiglia reale usava trascorrere i periodi più caldi della giornata, costituito da una serie di grandi bacini e vasche e dominato dalla purtroppo mal conservata costruzione del “Castello d’acqua”. Proseguimento per Kota Gede e, nel pomeriggio, visita di Prambanan, uno spettacolare complesso di templi induisti circondati da un grande recinto quadrato. Risalenti all’850 d.C. circa, sono considerati uno dei vertici dell’antica architettura induista e costituiscono un Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Il complesso, fatto costruire per commemorare la vittoria di Rakai Pitakan su Balaputra, ultimo sovrano della dinastia Shailendra, splendidamente decorato, fu abbandonato poco dopo il termine della costruzione. Comprende otto templi nel cortile centrale, dei quali i più grandi, disposti in direzione nord-sud, sono rispettivamente dedicati a Shiva (il più grande, alto ben 47 metri), Vishnu e Brahma, di fronte ai quali si trovano tre templi minori che ospitavano le cavalcature di ogni Dio (il toro Nandi per Shiva, l’uccello mitologico Garuda per Vishnu e l’oca per Brahma). Quello che colpisce di questo complesso è l’estrema finezza delle decorazioni e dei bassorilievi, alcuni dei quali rappresentano parte della leggenda Ramayana mentre altri rappresentano scene di vita quotidiana. Dei tre templi principali il tempio di Shiva è senz’altro quello più riccamente decorato. Al termine delle visite proseguimento per Salatiga e sistemazione in hotel.
    Pensione completa.

     

    10° GIORNO
    SALATIGA - GEDONG SONGO - BANARAN - WONOSOBO
    (Salatiga - Gedong Songo: 30 km, un’ora; Gedong Songo - Banaran: 20 km, 40 minuti; Banaran -Wonosobo: 88 km, 3 ore circa)
    Partenza da Salatiga per Bandungan, il villaggio che è la porta d’accesso al meno conosciuto ma bellissimo complesso di Gedong Songo, situato a 1200 metri di altezza sulle pendici del monte Ungaran. Costruito nell’VIII secolo e quasi contemporaneo di Dieng, il complesso vale la visita non solo per i bellissimi templi ma anche per la splendida vista di cui si gode: il monte Lawu a est, di fronte i monti Sundoro e Sumbing e a ovest il plateau di Dieng. Al termine della visita proseguimento per la piantagione di caffè di Banaran a Gemawang, dove si sosta per un “pranzo con vista” sulle belle piantagioni di caffè di qualità Robusta. Proseguimento per Wonosobo, situata a 790 metri di altezza e porta di accesso al Plateau di Dieng. Sistemazione in hotel.
    Pensione completa che include il pranzo alla piantagione e la cena in hotel.

     

    11° GIORNO
    WONOSOBO - PLATEAU DI DIENG - LA PIANTAGIONE DI TE’ DI TAMBI - WONOSOBO - BOROBUDUR
    (Wonosobo - Dieng: 26 km, un’ora; Dieng - Tambi: 16 km, 30 minuti; Tambi - Wonosobo: 15 km, 30 minuti; Wonosobo - Borobudur via Magelang: 85 km, 3 ore e 15 minuti circa)
    Molto presto la mattina, prima dell’alba, sveglia e partenza per il Plateau di Dieng, situato a 2000 metri di altezza. Raggiunto il villaggio di Sembungan, si sale per circa 40 minuti a piedi per raggiungere la vetta del monte Sikunir dal quale si gode di una splendida vista sul sorgere del sole dietro i vulcani circostanti. Sorto il sole, si osserva l’attività vulcanica sul cratere per poi visitare il complesso di templi di Arjuna, i più vecchi di Giava. I fumi solforosi del vulcano, la nebbia mattutina e i templi che si ergono nella luce incerta rendono il paesaggio davvero suggestivo. Dopo le visite, partenza per la piantagione di tè di Tambi, la cui attività iniziò nel lontano 1885, che si estende per 830 ettari alla base del monte Sindoro. Vi lavorano attualmente 1.100 persone, capaci di raccogliere 7 chilogrammi di foglioline di tè in soli 20 minuti. Dopo aver assaggiato l’ottimo tè locale rientro a Wonosobo. Dopo pranzo trasferimento a Borobudur, via Magelang. Sistemazione in hotel.
    Pensione completa.

     

    12° GIORNO
    BOROBUDUR - CANDIREJO - YOGYAKARTA
    (Borobudur - Candi Mendut - Candi Pawon: 5 km, 15 minuti; Borobudur - Yogyakarta: 42 km, un’ora e mezza circa)
    Sveglia nella notte per una giornata di eccezionale interesse. Prima dell’alba, alle ore 4 e mezza, partenza dall’hotel per ammirare l’alba sul più grande monumento buddhista di Giava, anzi, del mondo, Borobudur, una delle più incredibili esperienze che si possano fare in Asia. Questo immenso stupa fu costruito al tempo della relativamente breve dinastia Shailendra, 300 anni prima di Angkor Wat. Dopo poco più di un secolo dalla sua costruzione Borobudur e tutto il centro dell’isola furono abbandonati misteriosamente. All’incirca nello stesso periodo il vulcano Merapi eruttò con violenza, coprendo il tempio di cenere vulcanica e isolandolo dal resto dell’isola per quasi un millennio. La storia della riscoperta di Borobudur iniziò nel 1814, quando il Governatore Inglese Sir Raffles in visita a Semarang sentì parlare di “una montagna di sculture buddhiste in pietra nelle vicinanze di Magelang”. Dopo alterne vicende, restauri parziali iniziati e fermati, periodi di abbandono e razzie in seguito alle quali molte statue furono trafugate ed ancora oggi fanno parte di collezioni private in giro per il mondo, durante un convegno di orientalisti fu proposta una mozione per invitare l’Unesco a dirigere i lavori per il salvataggio di Borobudur, che passò all’unanimità. Il restauro, di proporzioni mai viste, iniziò nel 1973 e furono necessari 10 anni di lavoro di 700 uomini, per smontare, catalogare, fotografare, pulire, trattare e rimontare più di un milione e trecentomila blocchi di pietra. Visto dall’alto, Borobudur forma un mandala, simbolo religioso del cosmo, da lontano invece appare come uno stupa, modello del cosmo diviso in tre parti verticali: una base quadrata che sostiene un corpo semisferico sormontato da una guglia. Sorto il sole e dopo la visita, rientro in hotel per un brunch e un po’ di riposo. Nel mezzogiorno partenza per Candirejo per una gita in dokar (carretto trainato da cavallo) attraverso il tranquillo e caratteristico villaggio. Le visite della giornata proseguono con Candi Mendut, tempio a forma piramidale ancora più antico di Borobudur, e Candi Pawon, un tempio più piccolo ma interessante per la perfetta simmetria delle forme. Al termine delle visite partenza per Yogyakarta e sistemazione in hotel.
    Pensione completa che include il brunch e la cena in ristorante.

     

    13° GIORNO
    YOGYAKARTA - JOMBANG - TROWULAN - NGADISARI - MT. BROMO
    (Yogyakarta - Jombang: 250 km, 3 ore e 50 in treno; Jombang - Trowulan - Mojokerto: 30 km, un’ora; Mojokerto - Sukapura - Ngadisari/Mt. Bromo: 124 km, 4 ore circa)
    Di prima mattina alle 6 trasferimento alla stazione ferroviaria di Jogya e partenza in treno per Jombang in Giava Est, attraverso un paesaggio spettacolare fatto di vulcani e montagne. Arrivo a metà mattina a Jombang, incontro con il nuovo autista e partenza per Trowulan, un tempo capitale dell’importante regno di Majapahit che governò l’isola di Giava per parecchi secoli. Visita del Museo archeologico e dei templi di Candi Bajang Ratu e Candi Tikus. Al termine delle visite trasferimento a Mojokerto per il pranzo. Nel pomeriggio inizia la lunga strada che porta al villaggio di Ngadisari, la porta d’accesso al vulcano Bromo. Sistemazione in hotel.
    Pensione completa.  

    Nota bene: la sera del giorno 12 vi chiediamo di consegnare nella hall dell’hotel il bagaglio principale che nella notte verrà trasportato alla stazione. È necessario tenere a mano una piccola borsa o uno zaino per il viaggio in treno con quanto utilizzato per la notte e una felpa o maglioncino perché l’aria condizionata dei treni in genere è molto fredda.
    Il Museo archeologico di Trowulan è chiuso il venerdì.

     

    14° GIORNO
    MONTE BROMO - IJEN
    (Ngadisari - Probolinggo - Paiton: 85 km, 3 ore; Paiton - Ijen 175 km: 5 ore e 45 minuti)
    Sveglia prima dell’alba, alle ore 3.30 del mattino, per vedere l’emozionante spettacolo del sorgere del sole sul monte Bromo dal vulcano Penajakan. Partenza in fuoristrada per raggiungere un punto panoramico dal quale si possono osservare il vulcano Bromo ed i bellissimi dintorni per ammirare il sole che sorge alle spalle del vulcano. Proseguimento attraverso un paesaggio quasi lunare fatto di ceneri del vulcano e di nebbia mattutina fino a raggiungere la caldera del vulcano. Una passeggiata a cavallo di 20 minuti porta alla base delle scale che portano sul bordo del cratere di questo vulcano ancora attivo. L’ascesa, di circa 278 scalini, è soggetta alle condizioni atmosferiche e alla direzione del vento che potrebbe portare cenere sui viaggiatori. Rientro a cavallo e jeep in albergo per la prima colazione. Partenza per l’ultima tratta della zona est di Giava, attraverso le cittadine di Probolinggo e Besuki con varie soste fotografiche lungo il percorso. Sosta per il pranzo alla città costiera di Paiton e proseguimento per Ijen. Sistemazione in hotel.
    Pensione completa.

     

    15° GIORNO
    LICIN - KAWAH IJEN - TRAGHETTO KETAPANG - GILIMANUK - LOVINA BEACH
    (Ketapang - Campo base di Paltuding: 16 km, 45 minuti a tratta; Ketapang - Gilimanuk/Bali: 6 km, 45 minuti in traghetto + un’ora di differenza tra Giava e Bali; Gilimanuk - Lovina Beach: 78 km, 2 ore e 30 minuti circa)
    Sveglia alle 5.00 del mattino e partenza per il monte Ijen, una delle più spettacolari meraviglie dell’Indonesia. Raggiunto il campo-base di Paltuding si parte per un trekking per raggiungere la sommità (3 chilometri di percorso in salita), lungo un sentiero sterrato. Lungo la salita si incontrano molti operai e minatori che trasportano a volte anche 70 chili di zolfo fino ai piedi della montagna, a piedi scalzi. Dalla sommità, situata a 2.385 metri, si vede il lago del cratere, profondo 200 metri, che contiene circa 36 milioni di metri cubi d’acqua fumante e acida. Tutto questo può essere osservato solo dal bordo del cratere, in quanto le autorità hanno posto il divieto ai visitatori di scendere sulle rive del lago a causa dei fumi acidi altamente tossici. Solo i portatori possono scendere e risalire con i carichi di blocchi di zolfo. Al termine dell’escursione al vulcano rientro in hotel. Nel pomeriggio trasferimento al porto di Ketapang e partenza con il ferry locale per l’isola di Bali, dove si sbarca a Gilimanuk. Proseguimento via strada per Lovina Beach, situata sulla costa settentrionale dell’isola, e sistemazione in hotel.
    Pensione completa. 

    Nota bene: l’Ijen è un vulcano attivo, pertanto le visite sono soggette alle condizioni dell’attività vulcanica. Per i visitatori sono indispensabili una buona forma fisica, ottime scarpe da trekking e vestiti caldi a causa delle basse temperature. Nel caso in cui non dovesse essere possibile visitare il vulcano, la visita sarà sostituita con la piantagione di caffè e gomma di Kaliklatak.

     

    16° GIORNO
    LOVINA BEACH - PURA ULUN DANU - BEDUGUL - UMABIAN
    (Lovina - Singaraja - Bedugul: 20 km, 45 minuti; Bedugul - Umabian: 33 km, un’ora circa)
    Mattinata libera per un po’ di riposo. Nel primo pomeriggio partenza per Bedugul, situata sulle sponde del lago Beratan, un notevole lago vulcanico al centro del quale, su una minuscola isola, si trova il tempio di Ulun Danu, probabilmente uno dei più fotografati di Bali. Dopo la visita, sosta al mercato di Candikuning dove si vendono frutta, verdura, spezie e molti fiori, tra i quali diversi tipi di orchidee. Proseguimento per Umabian e sistemazione in hotel.
    Mezza pensione che include la cena in hotel.

     

    17° GIORNO
    UMABIAN - JATILUWIH - PURA TAMAN AYUN - SANUR
    (Umabian - Jatiluwih: 28 km, un’ora; Jatiluwih - Mengwi - Taman Ayun: 30 km, un’ora; Taman Ayun - Sanur: 25 km, un’ora circa)
    Dopo la colazione partenza per Jatiluwih, in una zona scenografica sulle pendici del vulcano Batukaru. Quest’area è nota come il “granaio di Bali” per le bellissime e immense risaie che vengono ancora irrigate con il sistema tradizionale del subak: per l’interesse storico e la bellezza questa zona è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Si effettua una passeggiata di un’ora attraverso le risaie. Al termine partenza per Mengwi, dove si visita il tempio della famiglia reale di Taman Ayun, dalla particolare architettura con le strutture a più tetti sovrapposti. Proseguimento per Sanur. Arrivo e sistemazione in hotel.
    Mezza pensione che include il pranzo in ristorante.

     

    18° GIORNO
    SANUR
    Giornata a disposizione per visite individuali, relax e bagni di sole e mare.
    Prima colazione e pernottamento.

     

    19° GIORNO
    SANUR - DENPASAR - HONG KONG - ITALIA
    Prima colazione. Mattinata a disposizione per gli ultimi bagni, con camere a disposizione sino al tardo pomeriggio. Trasferimento in aeroporto e partenza con il volo di rientro in Italia, via Hong Kong.

     

    20° GIORNO
    ITALIA
    Arrivo in Italia al mattino presto.


    PARTENZE DI GRUPPO

    Quote individuali con assistenza di accompagnatore dall’Italia a partire da 11/15 partecipanti:

     PARTENZE 2019

    In doppia 

    Supplemento singola

     Dal 7 al 26 agosto
     con accompagnatrice Cosmina Mazzariello

    € 5.560,00

    € 1.190,00


    Quote dei servizi a terra e tariffe aeree valide fino al 31/10/19

    Cambio applicato: 1 USD = 0,8472 EUR

    LA QUOTA COMPRENDE

    • I passaggi aerei internazionali con voli di linea Cathay Pacific da/per Milano (classe di prenotazione gruppo: vedere paragrafo alla pagina Informazioni Generali), 30 Kg di franchigia bagaglio • I voli interni in classe economica su servizi di linea Garuda Indonesia, 20 Kg di franchigia bagaglio • Tutti i trasferimenti • Sistemazione negli hotel indicati in apertura al tour • I pasti dettagliati nel programma • Visite ed escursioni come da programma • Ingressi durante le visite guidate • Assistenza di personale locale qualificato e di accompagnatore dall’Italia per i gruppi a partire da 11 partecipanti • Assicurazione “Multirischi” inclusa (Annullamento Viaggio, Bagaglio, Assistenza alla Persona e Spese Mediche, Interruzione Soggiorno, Famiglia Sicura)

     

    LA QUOTA NON COMPRENDE

    • Le tasse aeroportuali e di sicurezza (Euro 255 circa) e le tasse aeroportuali pagabili unicamente in loco • Eventuale introduzione di nuove tasse governative o aumenti delle stesse e aumenti del costo dei biglietti di ingresso ai vari siti di interesse turistico, parchi o riserve naturalistiche di cui non si è a conoscenza al momento della elaborazione delle quote • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.  


     

    PARTENZE INDIVIDUALI 

    Partenze a date libere, su richiesta 

    Quote individuali con assistenza di guide locali parlanti inglese:

    Partecipanti

    In camera doppia

    Supplemento singola

    Da 7 a 9 partecipanti

    € 3.595,00

    € 1.150,00

    Da 3 a 6 partecipanti

    € 3.950,00

    € 1.150,00

    Base 2 partecipanti

    € 4.440,00

    € 1.150,00


    Supplemento per guide parlanti italiano su richiesta

    Quote delle tariffe aeree e dei servizi a terra valide sino al 31/12/19

    Cambio applicato: 1 USD = 0,8472 EUR

    LA QUOTA COMPRENDE 

    • I voli interni in Indonesia da Jakarta a Makassar e da Makassar a Yogyakarta con servizi di linea Garuda Indonesia in classe economica, 20 kg di franchigia bagaglio • Tutti i trasferimenti con auto, minibus o pullman privati a seconda del numero di partecipanti, con aria condizionata, ed i trasferimenti ai vulcani in jeep 4 x 4; treni di lusso con aria condizionata (in condivisione con altri passeggeri) e traghetto locale da Ketapang a Gilimanuk in condivisione con altri passeggeri • Sistemazione negli hotel indicati in apertura al tour • I pasti dettagliati nel programma • Visite ed escursioni come da programma • Ingressi durante le visite guidate • Assistenza di personale locale qualificato, guide locali parlanti inglese durante il tour  (guide locali parlanti italiano disponibili solo in bassa stagione a Bali e Giava, con supplemento) • Assicurazione “Multirischi” inclusa (Annullamento Viaggio, Bagaglio, Assistenza alla Persona e Spese Mediche, Interruzione Soggiorno, Famiglia Sicura)

     

    LA QUOTA NON COMPRENDE 

    • I passaggi aerei internazionali, le tasse aeroportuali e di sicurezza e le tasse aeroportuali pagabili unicamente in loco • Eventuale introduzione di nuove tasse governative o aumenti delle stesse e aumenti del costo dei biglietti di ingresso ai vari siti di interesse turistico, parchi o riserve naturalistiche di cui non si è a conoscenza al momento della elaborazione delle quote • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato. 

     

    NOTA BENE 

    ● La tariffa dei voli internazionali sarà fornita al momento della prenotazione


RESPONSABILITà

CONCEPT STORE

TWITTER FEEDS

Informazioni Legali  |  Privacy  |  EU Safety List  |  Coperture Assicurative

Il Tucano Viaggi Ricerca di Willy Fassio Srl - Piazza Solferino, 20 - 10121 Torino - Tel. 011 5617061 - Fax 011 544419 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Iscritti nel registro imprese di Torino n° 876529 - P.Iva e codice Fiscale 07255310018 - Capitale Sociale Euro 10.500
Tucano Viaggi Copyright © 2013 - Powered by coolshop