Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Ok

Facebook

YouTube

DURATA

13 giorni

PARTENZE DI GRUPPO

 


UN VIAGGIO PER...

Una spedizione di grande interesse etnico-naturalistico che offre la possibilità di un incontro con le popolazioni aborigene, Chukchi ed Eschimesi, allevatori di renne e cacciatori di mammiferi marini, per spiriti avventurosi che desiderano scoprire il fascino di un luogo “mitico”. Nel complesso questo è un viaggio che non richiede sforzi fisici, ma un ottimo spirito di adattamento, peraltro ampiamente ricompensato dall’emozione di un itinerario davvero fuori dal comune.


I vostri alberghi E CAMPI

Mosca: Golden Ring 4*
Anadyr: Hotel Anadryr 3*
Nelle altre località si dorme in case locali (camere doppie, ma bagni in comune) o nelle yaranga, le abitazioni dei nomadi allevatori di renne (non letti, ma morbidi strati di pelli di renna.  Indispensabile il sacco a pelo).

 

Mezzi di trasporto

Le escursioni via terra vengono effettuate su uno speciale mezzo fuoristrada di fabbricazione russa a 6 ruote motrici (trekol), indicato per i percorsi nella tundra ma non confortevoli come un fuoristrada giapponese.


Da sapere

Le tappe sono indicative e potrebbero essere modificate in base ad eventi dell’ultimo momento, quali un incontro con i Chukchi che si spostano nella tundra o, anche, la mentalità degli organizzatori locali i cui tempi sono dettati dalla natura (freddo, vento, sonno...) e non dall’orologio. Malgrado il viaggio si svolga in estate, il clima di queste regioni così estreme è imprevedibile e potrebbe condizionare l’itinerario, costringendo a cancellare alcune tappe; in questo caso il programma verrà riadattato. Le guide locali parlano soltanto inglese (e russo). Per entrare in Chukotka, oltre al visto per la Russia, è necessario un permesso speciale che va richiesto tramite la nostra organizzazione. I pranzi e le cene nelle abitazioni locali e nei campi dei Chukchi sono quelli tipici della loro tradizione e comprendono piatti a base di renna.


quando partire...

Questo viaggio viene effettuato in agosto, la stagione in cui è possibile assistere alle competizioni tra i cacciatori di balene e trichechi. Per approfondimenti sul clima nei vari periodi dell’anno, fare riferimento alla pagina “Il Grande Nord e il suo clima”.



Questo viaggio prevede le seguenti partenze di gruppo

  • Domenica, 02 Agosto 2020
  • ARTICO RUSSO - CHUKOTKA, NELLA TERRA DEI CHUKCHI

    Quote a partire da € 6.400 - 13 giorni
    ITINERARIO ESTIVO

    • In volo, via Mosca, si raggiunge Anadyr, all’estremità orientale della Siberia, non lontano dallo Stretto di Bering; si parte quindi alla scoperta delle popolazioni e della natura della Chukotka. Un altro volo, molto breve, porta al villaggio di Laurentius da dove ci si sposta talvolta in barca, ma principalmente via terra su speciali mezzi fuoristrada, adatti ai percorsi nella tundra. Si visitano gli insediamenti dei Chukchi e degli Eschimesi, ci si inoltra nella tundra, raggiungendo i campi dei nomadi allevatori di renne, e lungo le coste dove si sono insediati i Chukchi del mare, cioè quelli che vivono delle risorse marine.

       

      Giorno per giorno

       

      1° GIORNO
      ITALIA - MOSCA
      Partenza con volo di linea per Mosca. Arrivo, trasferimento e sistemazione in hotel. 
      Pernottamento. 

       

      2° GIORNO
      MOSCA - ANADYR
      Mattinata a disposizione. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Anadyr, la maggiore città della Chukotka, dove l’arrivo è previsto il mattino seguente. 
      Prima colazione e pernottamento.

       

      3° GIORNO
      ANADYR
      Arrivo ad Anadyr in tarda mattinata. Dall’aereo, se il tempo è bello, si può osservare la conformazione di questa terra: coperta quasi completamente dalla tundra, è contornata lungo le coste da rilievi molto accidentati. Dopo le formalità di immigrazione, si passa, in ferry, dall’altro lato della baia dove sorge la città. Sistemazione in albergo. Anadyr, circa 10.000 abitanti, si trova sulla riva meridionale di una grande baia e presso la foce del fiume che ha dato il nome alla città, appena al di sopra della linea di demarcazione tra la taiga e la tundra. In questi ultimi anni, grazie agli interventi del nuovo giovane governatore Abramovich, Anadyr è molto cambiata diventando una città quasi moderna con strade, belle case e scuole. Oltre ad essere un importante porto marittimo e fluviale, Anadyr basa la sua economia sull’oro, le industrie minerarie, il commercio delle pellicce e l’allevamento delle renne. Vi si trova un importante Centro di Ricerca Scientifica che si occupa dello studio dei suoli permanentemente gelati (permafrost). Anadyr è il centro amministrativo della regione autonoma dei Chukchi. Questo popolo, il cui nome significa “ricco di renne”, è un popolo antico, discendente dalle lontane tribù paleosiberiane; secondo gli antropologi pare che, circa 25.000 anni fa, alcuni Chukchi abbiano attraversato lo stretto di Bering e si siano stabiliti in America. La maggiore attività dei Chukchi è ancora oggi l’allevamento delle renne, anche se alcune comunità traggono il sostentamento dalle ricche risorse dei mari che circondano la penisola. La lingua indigena è ancora parlata, ma ormai quasi tutti conoscono il russo. C’è stata una certa assimilazione con gli Eschimesi con cui i Chukchi hanno continui scambi commerciali. Nel pomeriggio visita orientativa della città.
      Cena e pernottamento.

       

      4° giorno
      ANADYR – LAURENTIUS – LORINO
      (Da Laurentius a Lorino 40 km, un’ora circa)
      Trasferimento all’aeroporto, attraversando nuovamente in ferry l’estuario del fiume, e partenza con volo di linea per Laurentius, situato a nord, verso lo Stretto di Bering. Breve visita del villaggio e del museo locale. Proseguimento per Lorino, osservando la tundra lungo il percorso. Arrivo e sistemazione in un’abitazione locale. In serata conferenza sulle balene e la caccia a questi cetacei, che qui si pratica da secoli: Lorino si trova infatti sulla rotta delle balene.
      Pensione completa.

       

      5° giorno
      LORINO
      Al mattino escursione in barca per osservare le balene grigie e, anche, alcuni aspetti della caccia di questi mammiferi (qui ufficialmente permessa, seppur con quote limitate a circa 100 - 150 balene all’anno), come la distribuzione della carne di balena tra la popolazione locale. Dopo pranzo, incontro con rappresentanti della cultura Chukchi e di quella Inuit. I Chukchi vivono al limite della regione siberiana, affacciati a ovest sul Mare dei Chukchi e a est su quello di Bering, in un territorio di oltre 600 mila chilometri quadrati. Quelli che vivevano sul mare si chiamavano ankalyn, “gli uomini delle coste”, quelli della tundra chavchu, “gli uomini delle renne”. Furono i Russi nel XVIII secolo, adattando in Chukchi l’originario chavchu, a battezzare queste popolazioni con il nome con cui oggi sono conosciute. Gli Inuit invece sono i discendenti di quella che gli antropologi chiamano la cultura di Thule e abitano le regioni artiche della Groenlandia, del Canada, della Chukotka e dell’Alaska.
      Pensione completa.

       

      6° giorno
      LORINO – CAMPO CHUKCHI, GLI ALLEVATORI DI RENNE
      Partenza in caterpillar verso l’interno, un percorso di almeno 6 ore per raggiungere un insediamento di una “brigata” di allevatori di renne. Questi pastori, oggi come nel passato, migrano con i loro animali alla ricerca di erbe e di licheni. Da tempo immemorabile essi, divisi in “brigate”, nomadizzano in queste regioni così remote ed isolate, perpetuando le tradizioni ancestrali dell’allevamento delle renne. È dalle renne che essi traggono tutto: si nutrono della loro carne, si vestono con le loro pelli, le usano per trainare le slitte per spostarsi e con le loro ossa fabbricano gli utensili di cui hanno necessità. Anche per le case che usano quando sono nella tundra dipendono dalle renne: le yaranga, che viste da lontano ricordano le yurte, sono costruite posando un doppio strato di pelli di renna su un’intelaiatura di legno. Arrivo al campo, incontro con i pastori, scambio di doni e sistemazione nella yaranga.
      Pensione completa.

       

      7° giorno
      CAMPO CHUKCHI
      Per tutta la giornata seguiamo le attività di questi nomadi, osservandole e, quando possibile, partecipandovi. Raggiungiamo la grande mandria, vediamo le renne che vengono prese al lazo e, talvolta, legate alle slitte: l'attività per radunare gli animali risulta particolarmente frenetica, oltre che molto faticosa. Pernottamento nella yaranga.
      Pensione completa.

       

      8° giorno
      CAMPO CHUKCHI - LORINO
      Dopo un’ultima mattinata insieme alla “brigata” che ci ospita, nel pomeriggio ritorno a Lorino, nell’ambiente della tundra. Arrivo e sistemazione in abitazione locale. In serata conferenza sugli scambi e i rapporti tra allevatori di renne e cacciatori di balene.
      Pensione completa con pranzo al sacco.

       

      9° giorno
      LORINO - ESCURSIONE AD AKKANI
      Escursione dell’intera giornata al vecchio insediamento di Akkani, oggi abbandonato e utilizzato dai cacciatori come base per le loro battute. Da sempre la caccia ai cetacei è un’attività collettiva: a bordo delle “baidara”, le barche di pelle di tricheco, o di barche più moderne, si cacciano le balene la cui carne viene poi suddivisa nella comunità. Possibilità di rientrare a Lorino o di pernottare ad Akkani in abitazione locale.
      Pensione completa.

       

      10° giorno
      LORINO
      Prosegue l’incontro con i Chukchi del mare. È una giornata di festa, una giornata in cui i cacciatori di balene si impegnano in gare e competizioni tradizionali: tiro dell’arpione, annodatura delle cime, gare di canoe a remi e altro... Si scoprono dettagli della vita di questo popolo quali il modo di conservare, in ghiacciaie sotterranee, la carne di balena, la capacità di realizzare minuziose sculture trasformando le grandi zanne in scene di caccia o corse delle slitte, e altre piccole attività artigianali di questo popolo artico. Pernottamento in abitazione locale.
      Pensione completa.

       

      11° giorno
      LORINO – LAURENTIUS – ANADYR
      Al mattino ultimi incontri con i cacciatori di balene e trichechi, visita dei loro uffici, acquisto di manufatti e souvenir locali. Trasferimento all’aeroporto e partenza con il volo per Anadyr. Arrivo, trasferimento in ferry in città e sistemazione in albergo. Nel pomeriggio spettacolo di folclore locale.
      Pensione completa.

       

      12° giorno
      ANADYR
      Al mattino escursione lungo la costa per vedere la pesca al salmone e possibilità di degustazione del caviale rosso locale. Nel pomeriggio visita del Museo “Heritage of Chukotka”. Cena d’addio al ristorante “Otke House”. Pernottamento in albergo.
      Pensione completa. 

       

      13° GIORNO
      ANADYR – MOSCA – ITALIA
      Prima colazione. Mattinata a disposizione per visite individuali. Nel primo pomeriggio trasferimento all’aeroporto e partenza per Mosca (a causa della differenza di fuso orario, si arriva ad un orario antecedente a quello di partenza). Arrivo e proseguimento per l’Italia con arrivo in tarda serata. 


       

      Partenze di gruppo

      Quote individuali base 9/11 partecipanti con assistenza di accompagnatore dall'Italia:

       PARTENZE 2019

      In doppia

      Supplemento
         singola (*)

       Dal 4 al 16 agosto

      € 6400,00

      € 600,00

       PARTENZE 2020

      In doppia

      Supplemento
         singola (*)

       Dal 2 al 14 agosto (**)  € 6400,00  € 600,00

      (*) Il supplemento include la sistemazione in camera singola presso l’hotel a Mosca e a Anadyr; a sistemazione in singola in altre località non è disponibile.

      Quote dei servizi a terra e tariffe aeree valide fino al 31/08/19

      (**) QUOTE E DATE SONO SOGGETTE A RICONFERMA. RIVOLGERSI AI NOSTRI UFFICI

      La quota comprende

      • I passaggi aerei internazionali con voli di linea Aeroflot da/per Milano (classe di prenotazione E: vedere paragrafo alla pagina Informazioni Generali), 20 kg di franchigia bagaglio • Tutti i trasferimenti privati • Sistemazione presso le strutture indicate all'apertura del tour • I pasti dettagliati nel programma (vedere il nota bene) • Visite ed escursioni come da programma •  Assistenza del personale qualificato e di guide locali parlanti inglese • Assistenza di un accompagnatore dall’Italia a partire da 9 partecipanti • Assicurazione “Multirischi” inclusa (Annullamento Viaggio, Bagaglio, Assistenza alla Persona e Spese Mediche, Interruzione Soggiorno, Famiglia Sicura)

      La quota non comprende

      • Visto d’ingresso in Russia (Euro 120 con la procedura normale) • Le tasse aeroportuali e di sicurezza (217 Euro circa) • Eventuale introduzione di nuove tasse governative o aumenti delle stesse e aumenti del costo dei biglietti di ingresso ai vari siti di interesse turistico, parchi o riserve naturalistiche di cui non si è a conoscenza al momento della elaborazione delle quote • Le bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

      NOTA BENE

      I pranzi e le cene nelle abitazioni locali e nei campi dei Chukchi sono quelli tipici della loro tradizione e comprendono piatti a base di renna.

      Cambio applicato: 1 RUB = 0,013 EUR 

    RESPONSABILITà

    CONCEPT STORE

    TWITTER FEEDS

    Informazioni Legali  |  Privacy  |  EU Safety List  |  Coperture Assicurative

    Il Tucano Viaggi Ricerca di Willy Fassio Srl - Piazza Solferino, 20 - 10121 Torino - Tel. 011 5617061 - Fax 011 544419 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Iscritti nel registro imprese di Torino n° 876529 - P.Iva e codice Fiscale 07255310018 - Capitale Sociale Euro 10.500
    Tucano Viaggi Copyright © 2013 - Powered by coolshop