Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Ok

Facebook

YouTube

DURATA

15 giorni

PARTENZE DI GRUPPO CON ACCOMPAGNATORE DALL'ITALIA:
DALL'1 AL 15 MAGGIO 2019
DAL 7 AL 21 SETTEMBRE 2019


UN VIAGGIO PER...

Un tour tanto inusitato quanto affascinante, che si inoltra in alcune delle regioni meno interessate dal grande turismo e, proprio per questo, più autentiche. Clou di questo viaggio è l’escursione nel leggendario Deserto dei Kalut, punteggiato di straordinarie formazioni geologiche. L’itinerario tocca inoltre importanti città d’arte ed emozionanti siti archeologici, tutti di straordinario interesse.


UN VIAGGIO CON...

LA SPECIALISTA ARCHEOLOGA BARBARA CERASETTI ACCOMPAGNA LA PARTENZA DAL 7 AL 21 SETTEMBRE 2019


Barbara Cerasetti si è laureata presso l’Università degli Studi di Bologna ed ha in seguito ottenuto il titolo di dottore di ricerca in Archeologia presso l’Università di Napoli “L’Orientale”. E’ stata assegnista di ricerca per quattro anni presso il Dipartimento di Storia, Culture, Civiltà dell’Università di Bologna, con cui ha una collaborazione da anni, con la specializzazione in telerilevamento applicato all’archeologia. Ha una lunga esperienza di lavoro sul campo in Italia e soprattutto in Oriente, anche con incarichi di responsabilità, soprattutto per le missioni congiunte in Asia Centrale (Kazakhstan, Tajikistan, Turkmenistan, Uzbekistan). Dal 2007 è direttore responsabile della missione archeologica italiana in Turkmenistan. Per Il Tucano accompagna viaggi in Asia Centrale, Oman e Iran.

Vedere il Nota bene 


I VOSTRI ALBERGHI

Teheran: Azadi Grand Hotel 5*
Mashhad: Homa Hotel 5*
Yadz: Safaiyeh Hotel 5*
Kerman: Pars Hotel 5*
Kalut: alloggiamento in campo tendato
Shiraz: Zandieh Hotel 5*
Isfahan: Kowsar Hotel 5*

 

Gli hotel non sempre sono equiparabili allo standard internazionale.



mezzi di trasporto

Vetture, minibus o bus a seconda del numero di partecipanti. I trasferimenti vengono effettuati su arterie asfaltate e generalmente in buone condizioni; tuttavia, alcuni tragitti durante questo tour avvengono lungo strade disagevoli.


DA SAPERE

Il tour prevede l’assistenza di guida locale parlante italiano. Il viaggio presenta alcuni trasferimenti lunghi e talvolta faticosi e richiede buono spirito di adattamento anche per quanto riguarda le infrastrutture turistiche al di fuori dei centri maggiori. L’ordine delle visite potrebbe variare, lasciandone comunque inalterato il contenuto. Ricordiamo che l’abbigliamento femminile deve essere conforme alle tradizioni locali, con il capo coperto.


QUANDO PARTIRE...

I periodi migliori sono la tarda primavera e l’autunno. Per approfondimenti sul clima nei vari periodi dell’anno, fare riferimento alla pagina “Il clima in Vicino Oriente, Asia Centrale e Cina”.


IN QUESTO VIAGGIO IL PATRIMONIO UNESCO

- La città storica di Yadz
- Il complesso archeologico di Bam
- Piazza Naqsh-e Jahān e Masjed-e Jame (Moschea del Venerdì), a Isfahan
- Persepoli
- Pasargade
- Palazzo del Golestān, a Teheran
- I giardini persiani


 

Questo viaggio prevede le seguenti partenze di gruppo

  • Domenica, 26 Aprile 2020
  • Sabato, 05 Settembre 2020
  • IRAN - ALLA SCOPERTA DELLE CITTÀ DEL DESERTO

    Quote a partire da € 4.020 - 15 giorni

    •  

      Giorno per giorno...


      1° Giorno
      ITALIA - TEHERAN
      Partenza con volo di linea per Teheran, via Istanbul. In tarda serata arrivo nella capitale iraniana situata a 1100 metri di altitudine ai piedi dei monti dell’Elburz e trasferimento in hotel. 
      Pernottamento.

       

      2° Giorno
      TEHERAN - MASHHAD
      Dopo la prima colazione, trasferimento in aeroporto, da dove decolliamo con il volo per Mashhad, nel nord-est dell’Iran. Una volta a destinazione, partiamo per l’escursione alla vicina città storica di Tus, patria di numerosi illustri personaggi della storia islamica. Qui visitiamo il mausoleo del poeta Ferdowsi, costruito nel 1934. Rientriamo quindi a Mashhad, popolosa metropoli (circa 2 milioni e mezzo di abitanti) che è nota come luogo di pellegrinaggio religioso sciita. In centro sorge infatti il grande santuario dell'imam Reza, dalle cupole dorate e i bei minareti illuminati di notte; il complesso circolare, che commemora il martirio dell’ottavo imam dell’Islam sciita avvenuto nell’818, comprende inoltre la tomba dello studioso libanese Sheikh Bahai, oltre alla moschea di Goharshad, risalente al XV secolo, impreziosita da una facciata in piastrelle blu e una cupola turchese. Al termine della visita rientriamo in hotel.
      Pensione completa.

       

      3° Giorno
      MASHHAD - ESCURSIONE A TAYBAD
      (450 km)
      L’escursione odierna ci porta a visitare la città storica di Taybad, nella provincia del Razavi Khorasan. Tra i monumenti che rendono interessante questa antica città spicca senz’altro il complesso funerario di Molana Zeinedin Abubakr Taibady, vissuto nel XIV secolo e considerato uno dei grandi mistici del suo tempo. Il semplice sepolcro, segnato da una stele, è fronteggiato dalla magnifica moschea fatta costruire nel 1444 durante l’impero timuride e che si fa ammirare per le raffinatissime maioliche azzurre e blu che ne ornano la facciata. Pregevole è anche la tomba di Khaje Abdollah, che comprende un elegante porticato e due ambienti sormontati da cupole; riccamente ornata è anche la bella moschea Qiyasieh Shahrokh, costruita alla metà del XV secolo. Concluse le visite, nel pomeriggio facciamo ritorno a Mashhad.
      Pensione completa.

       

      4° Giorno
      MASHAD - YADZ
      In mattinata, trasferimento all’aeroporto e partenza con il volo diretto a Yadz, l'antica Khatah, situata a 1230 metri di altitudine tra due deserti: il Dasht-e-Kavir e il Kavir-e-Lut. Per il suo ricco patrimonio culturale e architettonico, la città è stata iscritta nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO. Arrivo e sistemazione in hotel. Importante tappa lungo la strada carovaniera percorsa dai mercanti che esportavano le sue sete e i suoi tappeti, Yazd fu visitata nel 1272 da Marco Polo, che la descrisse splendente di moschee. Storica roccaforte dei seguaci del culto di Zarathustra, le cui più significative testimonianze sono rappresentate dalle Torri del Silenzio e dal Tempio del Fuoco, Yazd conserva tra l’altro il superbo complesso architettonico Amir Chaqmak (che comprende una moschea, un caravanserraglio e un impianto termale, disposti attorno alla piazza omonima), la bellissima Moschea del Venerdì, diversi monumenti storici del periodo selgiuchide e mongolo (XII - XIV secolo), la cosiddetta Prigione di Alessandro Magno, molte abitazioni dalla particolare architettura con le caratteristiche torri di aerazione o “badgir” (anche denominate “Torri del vento”) e il famoso, rutilante bazar. 
      Pensione completa.

       

      5° Giorno
      YADZ - MEYBOD - CHAK CHAK - KHARANAQ – YAZD
      (140 km)
      L’intera giornata è dedicata all’escursione nella regione (sharestan) di Ardakan. Dapprima incontriamo l’antica città di Meybod, la cui fondazione risale all’epoca preislamica e che nel XIV secolo fu brevemente capitale della Persia. Il ricco patrimonio architettonico locale include la fortezza di Narin Qaleh, costruito circa 2000 anni fa in mattoni di argilla cruda, una grande moschea, il mausoleo di Khadijeh Khatoun, il caravanserraglio Shaha Abbasi, una curiosa ghiacciaia (yakhchal) di epoca safavide (1501 -1736), un’antica colombaia, oltre allo straordinario Ab anbar Kelar costruito nel 1659. Si tratta di un grande serbatoio d’acqua semisotterraneo, dotato di quattro alte torri del vento che contribuiscono a mantenere costante la temperatura interna. Ci inoltriamo quindi tra le montagne fino a raggiungere Chak Chak, appollaiato ai piedi di un torreggiante pinnacolo di roccia; questo è il più sacro dei santuari montani dello Zoroastrismo ed è meta di un devoto pellegrinaggio. Ogni anno migliaia di zoroastriani provenienti da Iran, India e altri Paesi giungono al tempio del fuoco di Pir-e Sabz; il sacello vero e proprio è una grotta semi-artificiale, protetta da due grandi battenti in bronzo. All’interno, le pareti sono annerite dalle fiammelle che vengono tenute perennemente accese. Lasciato questo luogo sacro ci spingiamo fino a Kharanaq, un villaggio rurale le cui antiche abitazioni sono costruite in mattoni di argilla cotta al sole. Pare che il luogo sia stato abitato per circa quattro millenni, anche se le strutture più antiche dell’attuale agglomerato risalgono all’XI secolo; oggi gran parte del villaggio è disabitato e le silenti rovine offrono uno scenario di straniante, drammatica bellezza. Nel tardo pomeriggio facciamo ritorno in albergo a Yazd.
      Pensione completa.

       

      6° Giorno
      YADZ - KERMAN - MAHAN - KERMAN
      (400 km)
      Ci mettiamo in viaggio diretti a Kerman, la cui provincia comprende parte del deserto sabbioso di Dasht-e-Lut ed è famosa per le coltivazioni di palme da dattero, le piantagioni di pistacchio e la manifattura dei tappeti. Una volta a destinazione proseguiamo fino a raggiungere la vicina oasi di Mahan, una cittadina sulla quale si staglia la splendida cupola azzurra del mausoleo del poeta sufi Shah Nematollah Vali, risalente al XV secolo; qui potremo ammirare anche il magnifico giardino di Shazdeh, voluto nel 1873 da un principe che vi risiedeva per le attività di caccia. Curatissimo, è punteggiato da una serie di fontane, ruscelli e alberi verdeggianti, in un singolare contrasto con il deserto che lambisce la città. Al termine delle visite ritorniamo a Kernan. Situata a 1750 metri di altitudine, la città in passato dovette la sua prosperità alla posizione strategica lungo le rotte commerciali con l’Asia; l’abitato ha conservato gran parte dei suoi tratti culturali caratteristici, diversi edifici storici e l’antico bazar. Rimane inoltre un importante centro di produzione dei tappeti. Arrivo e sistemazione in hotel.
      Pensione completa.

       

      7° Giorno
      KERMAN - BAM - IL DESERTO DEI KALUT
      (410 km)
      Al mattino presto partiamo per la visita di Bam, cittadella medievale fortificata costruita in terra cruda, sviluppatasi lungo l'antichissima via che collegava l'Iran centrale con le province orientali e con l'Afghanistan e il Pakistan. Visse il suo periodo aureo fino al XIII secolo, grazie al fiorente commercio carovaniero e alla produzione di seta, lana e cotone. L’antico complesso annoverava abitazioni, moschee, hammam, bazar, caravanserragli, officine: un violento terremoto nel 2003 rase al suolo la città nuova di Bam e la città antica fu seriamente danneggiata. A partire dal 2004 Bam fa parte del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e sono in corso imponenti lavori di recupero e salvaguardia del sito. Conclusa la visita di questa importante località storica e monumentale, il pomeriggio sarà dedicato a un’escursione nella magnifica regione desertica del Dash-e Lut. Questa landa è costellata di kalut, surreali guglie fatte di terra, sabbia e sale modellate dai venti, che creano l’illusione di addentrarsi tra città fantasma. Il loro nome, in effetti, letteralmente significa “strutture formate dal vento”, ma sembrano enormi castelli di sabbia che si perdono all’orizzonte. Ci inoltriamo in strette gole dove i giochi di luce e ombra creano strane scenografie, saliamo in cima alle dune per poi ridiscenderne sul lato opposto, ammiriamo il surreale susseguirsi di guglie e pinnacoli. Vissuta anche questa inusitata esperienza, ci accampiamo per la notte in un campo tendato; l’arcano silenzio della notte sarà il coronamento di una giornata indimenticabile.
      Pensione completa.

       

      8° Giorno
      DESERTO DEI KALUT – KERMAN
      (100 km)
      In mattinata prosegue l’esplorazione del Deserto dei Kalut, dove le condizioni estreme (è uno dei luoghi più caldi e aridi del pianeta) e il vento che soffia sempre nella stessa direzione hanno creato enormi ammassamenti di sabbia dalle forme arrotondate e contorte. Altrove, dalle lande pianeggianti e coperte di sale si ergono le inconfondibili, frastagliate sagome dei kalut. Lo sguardo spazia su quest’immensità vuota, perdendosi.  Le forme in lontananza prendono dimensione e profondità al nostro avvicinarsi e appaiono come volumi sempre più tridimensionali; il cielo è quasi lattiginoso, non certo per l'umidità, ma per via del pulviscolo e del gran calore. Il deserto appare ostile, ma anche di una bellezza sconvolgente che entra nell’anima. Nel pomeriggio puntiamo verso Kerman, che ci appare in lontananza come un porto sicuro dopo aver attraversato il grande mare di sabbia e argilla. Arrivo e sistemazione in hotel.
      Pensione completa.

       

      9° Giorno
      KERMAN - SHIRAZ
      Al mattino sveglia di buon ora, trasferimento all’aeroporto e partenza con il volo diretto a Shiraz. Arrivo, trasferimento e sistemazione in hotel. Situata in una fertile valle a circa 1500 metri di altitudine, fondata già nel III millennio a.C., più volte distrutta e ricostruita, Shiraz divenne capitale regionale nel 693 e conobbe notevole splendore sotto la dominazione araba; nel XIII secolo divenne un importante polo delle arti e delle lettere, grazie all'incoraggiamento dei suoi governanti e alla presenza di numerosi studiosi, poeti e artisti persiani. Nel periodo safavide vi sorsero molti sontuosi palazzi e monumenti e nel 1762 assurse a ruolo di capitale della Persia, seppure per un breve periodo. L’eco di una storia così complessa si riflette sul patrimonio architettonico e artistico dell’odierna metropoli, che per dimensioni è la quinta del Paese. Patria d’illustri poeti e uomini di cultura, città raffinata, Shiraz è stata paragonata a un salotto fiorito dove dolcezza e armonia pervadono ogni cosa. Nel pomeriggio ci dedichiamo alla visita di questa splendida città: vedremo così la moschea Nasir Ol Molk e i giardini di Naranjestan, il bazar e i mausolei di Hafez e Saadi, due dei più grandi poeti persiani, la cittadella di Karim Khan e lo spettacolare Shah-e-Cherag, o Mausoleo del “Re della luce”, senz’altro uno degli edifici sacri più belli al mondo.
      Pensione completa.

       

      10° Giorno
      SHIRAZ - ESCURSIONE A PERSEPOLI, NAQSH-E-ROSTAM E PASARGADE
      (145 km)
      In mattinata raggiungiamo Persepoli, distante circa 60 chilometri, grandiosa capitale spirituale dell’impero degli Achemenidi. Fondata da Dario I nel 518 a.C. e completata dai suoi successori nel secolo seguente, Persepoli è uno dei più imponenti complessi di antiche rovine esistenti nella regione ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Della città restano imponenti rovine che nel corso dei secoli hanno vivamente impressionato viaggiatori e studiosi: spiccano due grandi sale ipostile: l’una, detta delle Cento Colonne, che ospitava la sala del trono, l’altra nota come Apadana, o Sala delle Udienze, a pianta quadrata e scandita da sei file di snellissime colonne. Le scalinate di accesso sono ancora ornate da magnifici rilievi raffiguranti schiere di guardie imperiali e cortei di sudditi che recano tributi al sovrano. Nelle vicinanze di Persepoli sorge la necropoli rupestre di Naqsh-e-Rostam, dove potremo ammirare le tombe di quattro re achemenidi (Dario I e Dario II, Serse e Artaserse), i bassorilievi di epoca sasanide e un ben conservato Tempio del Fuoco di epoca achemenide. Nel pomeriggio arriviamo a Pasargade, sito archeologico che per la sua importanza è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Prima capitale dinastica dell’impero achemenide, Pasargade venne fondata da Ciro II il Grande nel 546 a.C.; oggi le antiche vestigia comprendono una grande tomba comunemente ritenuta essere quella del potente sovrano, le rovine di due grandi palazzi reali (costruiti applicando tecniche antisismiche eccezionali per l’epoca) e i resti di una fortezza costruita in cima alla collina che domina la zona. Il monumento più famoso e meglio conservato del luogo è senz’altro il mausoleo di Ciro, costituito da un basamento a sei gradini che regge la camera funeraria vera e propria. Conclusa la visita, rientriamo a Shiraz.
      Pensione completa.

       

      11° Giorno
      SHIRAZ - ISFAHAN
      Dopo la prima colazione, trasferimento all’aeroporto e partenza con il volo diretto a Isfahan, da molti considerata l’autentico gioiello dell’Iran. La metropoli, che oggi conta oltre un milione e mezzo di abitanti, sorge sulle sponde del fiume Zayandeh, a quasi 1600 metri di altitudine tra le montagne dello Zagros. Nel tardo pomeriggio iniziamo la visita di questa magnifica città e ci godiamo una piacevole passeggiata lungo le sponde del fiume Zayandeh, il cui corso è scavalcato da alcuni antichi ponti dalle splendide proporzioni, il più famoso dei quali è il ponte Khaju, costruito dallo scià Abbas II verso il 1650. La struttura, che funge anche da diga, grazie alle sue ininterrotte gallerie porticate è un frequentato luogo di ritrovo e svago per gli abitanti di Isfahan.
      Pensione completa.

       

      12° Giorno
      ISFAHAN
      Per secoli crocevia di commerci e carovane, Isfahan è una magnifica città che incanta per la bellezza dei suoi monumenti. La sua storia è antichissima, ma è al tempo dei Safavidi, durante il regno di Abbas I (1587-1629), che Isfahan si arricchì di splendide moschee, magnifici palazzi, raffinate dimore, divenendo centro culturale e artistico di prima grandezza. La visita della città non può che prendere inizio dall’immensa piazza Naqsh-e-Jahan (in persiano “l’Immagine del Mondo”): circondata da una teoria di cupole, minareti, colonnati e arcate, riunisce un insieme unico di bellezze architettoniche, tanto da essere stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Proseguiamo poi con la moschea dell’Imam, tra gli edifici più maestosi dell’Islam sciita, l’elegante moschea di Sheik Lotfollah, il palazzo di Ali Ghapu (dalla cui terrazza si gode di un panorama ineguagliabile), il palazzo Chehel Sotun (o Palazzo delle Quaranta Colonne) e il bazar, un infinito labirinto di gallerie che traboccano di spezie e merci di ogni tipo. Ulteriori visite includono la Moschea del Venerdì, il palazzo Hasht Behesht e la cattedrale di Vank, con l’annesso museo nel quartiere armeno. Pensione completa.

       

      13° Giorno
      ISFAHAN - KASHAN - TEHERAN
      (450 km)
      In mattinata ci mettiamo in viaggio, diretti a nord. Lungo il percorso avremo modo di visitare Kashan, famosa già dall'epoca dei Safavidi per l'abilità e la raffinatezza dei suoi maestri artigiani nella lavorazione dei tappeti, della seta e per le eleganti mattonelle di ceramica smaltata (kashi), delle quali era il più rinomato centro di produzione. Questa bella città sorta in un’oasi verdeggiante ancora oggi ospita alcune delle più belle case tradizionali della regione, come la splendida dimora del ricco mercante Borujerdi e quella della famiglia Tabatabaei, altrettanto sontuosa; qui si trova anche il Bagh-e Fin, uno dei più famosi giardini iraniani, progettato dallo scià Abbas I (1557-1629) come una visione terrena del Paradiso. La visita della città comprende anche le terme (hammam) del sultano Amir Ahmad. Proseguiamo poi il viaggio fino a raggiungere Teheran. Arrivo e sistemazione in hotel.
      Pensione completa.

       

      14° Giorno
      TEHERAN
      L’intera giornata è dedicata alla visita della capitale. Con l’avvento della dinastia Pahlavi nel 1926, a Teheran molti edifici storici e le vecchie mura che difendevano la città furono abbattute per lasciare posto a moderne architetture; di conseguenza, oggi Teheran è interessante soprattutto per i suoi musei. Di particolare preminenza è il Museo Nazionale (che comprende anche la spettacolare sezione archeologica), il più importante del Paese, nel quale è custodito il vasto patrimonio artistico e culturale dell'antica Persia. Si prosegue con la visita del Museo dei Tappeti, che offre una panoramica sulla produzione di tappeti persiani a partire dal 1500, e con il Palazzo del Golestān, residenza storica della dinastia reale Qajar, il monumento più antico della città, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. A seconda del giorno di apertura, concludiamo la giornata visitando il Museo dei Gioielli, che comprende una delle collezioni di gioielli più preziose al mondo, oppure il Museo del Vetro e della Ceramica, nel quale è possibile ripercorrere la storia dell'arte vetraria e della ceramica fin dalle origini. Qui potremo ammirare centinaia di reperti risalenti al II millennio a.C. Tra l’altro, l'edificio che lo ospita è l'esempio più notevole di architettura del periodo dei Cagiari e risale al 1910.
      Pensione completa.  

      Nota bene: La visita dei diversi musei e monumenti di Teheran è subordinata al giorno di apertura al pubblico indicato nelle note in calce al programma di viaggio.

       

      15° Giorno
      TEHERAN - ITALIA
      Trasferimento in aeroporto e partenza con il volo di rientro in Italia, via Istanbul.


      Partenze gruppo
      Quote individuali con accompagnatore dall'Italia o specialista:

       PARTENZE 2019

      In doppia
      Base 10/12 partecipanti

      In doppia
      Base 13/15 partecipanti

      Supplemento 
      singola 

       Dal 7 al 21 Settembre
       con specialista archeologa Barbara Cerasetti

       € 4290,00   € 4020,00 € 565,00

      PARTENZE 2020

      In doppia
      Base 10/12 partecipanti

      In doppia
      Base 13/15 partecipanti
      Supplemento 
      singola

      Dal 26 Aprile al 10 Maggio (*)

       € 4290,00  € 4020,00 € 565,00

      Dal 5 al 19 Settembre (*)

       € 4290,00  € 4020,00 € 565,00

      Quote dei servizi a terra e tariffe aeree valide fino al 30/09/19

      (*) QUOTE E DATE SONO SOGGETTE A RICONFERMA. RIVOLGERSI AI NOSTRI UFFICI

      La quota comprende

      • I passaggi aerei internazionali con voli di linea Turkish Airlines da/per  Milano (classe di prenotazione E: vedere paragrafo alla pagina Informazioni Generali), 20 kg di franchigia bagaglio • I trasferimenti con vetture, minibus o bus a seconda del numero di partecipanti • Sistemazione negli hotel indicati in apertura al tour • I pasti dettagliati nel programma • Visite ed escursioni come da programma • Ingressi durante le visite guidate • Assistenza di personale locale qualificato e di accompagnatore dall'Italia o specialista • Assicurazione “Multirischi” inclusa (Annullamento Viaggio, Bagaglio, Assistenza alla Persona e Spese Mediche, Interruzione Soggiorno, Famiglia Sicura)

      La quota non comprende

      • Visto di ingresso in Iran (Euro 75) • Le tasse aeroportuali e di sicurezza (Euro 234 circa) e le tasse aeroportuali pagabili unicamente in loco  • Eventuale introduzione di nuove tasse governative o aumenti delle stesse e aumenti del costo dei biglietti di ingresso ai vari siti di interesse turistico, parchi o riserve naturalistiche di cui non si è a conoscenza al momento della elaborazione delle quote • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

       

      NOTA BENE

      Giorni di chiusura dei musei e monumenti a Teheran: 
      Museo dei Gioielli: aperto da sabato a martedì
      Palazzo del Golestān: chiuso la domenica 

    RESPONSABILITà

    CONCEPT STORE

    TWITTER FEEDS

    Informazioni Legali  |  Privacy  |  EU Safety List  |  Coperture Assicurative

    Il Tucano Viaggi Ricerca di Willy Fassio Srl - Piazza Solferino, 20 - 10121 Torino - Tel. 011 5617061 - Fax 011 544419 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Iscritti nel registro imprese di Torino n° 876529 - P.Iva e codice Fiscale 07255310018 - Capitale Sociale Euro 10.500
    Tucano Viaggi Copyright © 2013 - Powered by coolshop