Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Ok

Facebook

YouTube

DURATA

8 giorni

UN BELLISSIMO CIRCUITO IN FUORISTRADA
TRA DESERTO, LE ALTE VALLI BERBERE, OASI E MONTAGNE
 

 

PARTENZA DI GRUPPO: DAL 27 DICEMBRE 2020 AL 3 GENNAIO 2021


UN VIAGGIO PER ...

Per chi è alla ricerca di un’esperienza di viaggio che non si limita ai luoghi più noti del Marocco, ma si spinge fuori dalle rotte turistiche scoprendo gli ambienti affascinanti e la cultura berbera del Paese.


I VOSTRI ALBERGHI

Ouarzazate: Hotel Berbere Palace 5* (camera superior)
Zagora: Riad Lamane o Riad Dar Sofian
Chgaga: campo tendato di lusso
Agdz: Kasbah Dar Amazir o Dar Omar
Skoura: Kasbah Ait Ben Moro
Marrakech: Hotel Meridien N’Fis 5* (camera superior)

 

Sistemazione in riad: 
note informative clicca qui

Informazioni sul campo tendato: il campo tendato è una struttura permanente installata ai piedi di grandi dune all'interno dell'erg. Le tende (m 4 x 3 x 2,5) sono a doppio rivestimento con stuoie e tappeti al suolo ed includono i servizi igienici privati all'interno della tenda stessa (toilette, doccia e lavabo con specchio, acqua calda a disposizione grazie a pannelli solari). Dispongono di grande letto matrimoniale, lenzuola, cuscini e piumini adeguati per notti più fredde con riscaldamento a fungo, tavolini bassi con funzione di comodini, illuminazione elettrica a 12V, oltre alle classiche lanterne a candela. La ristorazione (collettiva) avviene all'interno di una grande tenda caidale allestita con tavoli e sedie, stoviglie di buona qualità, tappeti al suolo. I pasti vengono preparati in loco al momento dal personale del campo con ingredienti freschi. Sono disponibili bevande fresche, vino ed alcolici. Il personale del campo è sempre a disposizione per soddisfare le richieste dei viaggiatori. Su richiesta è possibile effettuare una passeggiata sulle dune con i dromedari.


 

MEZZI DI TRASPORTO

Vetture fuoristrada Toyota Land Cruiser climatizzate durante il circuito, minibus durante i trasferimenti da e per l'aeroporto e nel corso delle visite a Marrakech.


DA SAPERE
Un grande viaggio, molto vario e scenografico. Emozionanti i percorsi in fuoristrada su panoramiche strade e piste di montagna, attraverso grandiosi canyon e piste sahariane. Indicato per chi si avvicina al viaggio con lo spirito del viaggiatore che vuole avvicinarsi alle realtà più conservate ed autentiche del Paese o per chi vuole completare la propria conoscenza del Marocco.


QUANDO PARTIRE...
La partenza è prevista a fine dicembre. Per approfondimenti sul clima nei vari periodi dell’anno, fare riferimento alla pagina “Informazioni prima di partire”.


In questo viaggio il patrimonio UNESCO
- Lo ksar di Ait Benhaddou
- La Medina di  Marrakech

 

Questo viaggio prevede le seguenti partenze di gruppo

  • Domenica, 27 Dicembre 2020
  • MAROCCO - IL GRANDE SUD IN FUORISTRADA - SPECIALE CAPODANNO

    Quote a partire da € 2.440 - 8 giorni - Partenze a date libere su richiesta
    ITINERARIO PER GRANDI VIAGGIATORI

    • Giorno per giorno

       

      1° GIORNO
      ITALIA - Ouarzazate
      Partenza con volo di linea per Ouarzazate, via Casablanca. Arrivo, trasferimento e sistemazione in hotel. 
      Pernottamento.

       

      2° GIORNO
      OUARZAZATE- Passo di Tinfitt - JBEL SARHRO - TAMNOUGALT- VALLE DEL DRAA-ZAGORA
      In mattinata partenza con vetture 4x4 alla volta di Zagora. Situata a 1200 metri di altitudine ai piedi dell’Alto Atlante, nel punto di confluenza tra le Valli del Draa e del Dades, Ouarzazate è l’accesso obbligato per il sud attraverso l’importante strada del valico del Tickha che ha permesso l’attuale sviluppo economico e turistico di tutto il sud. Da qui era possibile controllare le carovane, che provenendo dal profondo Sahara e da Timbouctou, risalivano la valle del Draa da Zagora verso Marrakech imponendo dazi e tributi sulle mercanzie. Sorta intorno al vecchio villaggio ai margini dell’omonimo oued (fiume) e all’imponente kasbah Taourirt, bellissimo esempio di costruzione in terra che fu residenza dell’ultimo pascià di Marrakech, oggi la città è un importante polo di produzioni cinematografiche a cui deve parte della sua economia e vanta due grandi studi cinematografici ove sono presenti svariati set utilizzati per le riprese di kolossal. Tappa obbligata per chiunque voglia raggiungere il sud marocchino, la fondazione moderna della città nel 1928 fu dovuta alle esigenze coloniali francesi per il controllo strategico della regione. Continuazione in direzione sud-est attraverso lo spettacolare passo di Tinfitt (1670 m) e l'arido e pietroso Jbel Sarhro, grande massiccio di formazione vulcanica che fa d’accesso alla sottostante valle del Draa, il fiume più importante del sud del paese, il quale inizialmente nasceva sull’Alto Atlante dalla confluenza di diversi fiumi tra i quali il Dades. Oggi, dopo la costruzione del lago artificiale El Mansour Eddahbi nei pressi di Ouarzazate, il suo corso geografico inizia lì e sbocca nell’Oceano Atlantico dopo aver percorso quasi un migliaio di chilometri. È visibile lungo i rigogliosi palmeti della sua vallata sino a Zagora, poi dopo aver piegato a sud verso Foum Takkat scompare completamente nelle sabbie del deserto per riapparire dopo 700 chilometri circa, poco prima della sua foce sulla costa Atlantica. Geograficamente a sud esso segna il confine naturale tra la catena montuosa dell’Anti Atlante ed i suoi ultimi contrafforti, tra cui il Jbel Bani, e gli immensi hamada (deserto pietroso) del sud. Il Draa segna inoltre da sempre il confine culturale tra le etnie sahariane e le popolazioni stanziali dell’Atlante e delle oasi situate ai piedi delle montagne. Si raggiunge Tamnougalt, villaggio ai piedi del Jbel Kissane, montagna dalle forme bizzarre che assume colori incredibili con la luce del tardo pomeriggio. I resti dell’imponente kasbah dominano gran parte della zona e il magnifico ed enorme ksour, oggi in rovina ma ancora parzialmente abitato, riflette genuinamente il microcosmo di vita sociale dell'oasi. Notevole è l'imponente e austera facciata del vecchio palazzo caidale che si affaccia sull’oasi; sono ancora visibili i resti degli antichi caravanserragli, del quartiere ebraico e dei numerosi cortili interni alle kasbah. Fu inoltre importante centro religioso che attirava studiosi da molto lontano per la rinomata scuola coranica. Proseguimento lungo la strada principale della valle sino a Zagora, città di fondazione coloniale come testimoniano l’ampio viale centrale e le moderne abitazioni.
      Pensione completa.

       

      3° GIORNO
      ZAGORA - TAMEGROUTE - MHAMID - OASI DI OUM LAAG - ERG CHGAGA
      Breve tour orientativo della città con visita del mercato centrale e proseguimento per il vicino villaggio di Tamegroute, centro religioso che fu di rilevante importanza a partire dal XVII secolo dopo la fondazione di una scuola coranica divenuta col tempo una delle più importanti del nord-ovest africano. Visita della biblioteca privata che conserva migliaia di antichi testi e trattati manoscritti, alcuni dei quali miniati in oro su pelli di gazzella. Si visiterà, inoltre, uno degli atelier di ceramiche tipiche del luogo e colorate con ossidi naturali prodotte artigianalmente con metodi arcaici da alcune famiglie di origine maliana stabilitesi qui 4 secoli fa. Dopo aver superato il Jbel Bani si apre il grande Sahara e si raggiunge Mhamid, villaggio di frontiera ed ex avamposto militare invaso dalle sabbie ai margini dell’erg Zaher. Da Mhamid inizio del tratto sahariano in fuoristrada su piste desertiche. Inizialmente si percorre un tratto sabbioso ai margini del grande oued Draa tra acacie e tamerici. L'ipotetico confine algerino è solamente a una decina di chilometri sull'altra sponda dell'oued. Si prosegue poi attraverso l'altopiano desertico (hammada) per la piccola oasi di Oum Laagh, considerata sacra dalle popolazioni della regione per la presenza costante di acqua e situata ai piedi del Jbel Bani. Dirigendosi più a sud, all'orizzonte apparirà progressivamente come per miraggio l'erg di Chgaga e le sue imponenti e magnifiche grandi dune. Attraversamento della sua dayat (lago alluvionale) che in primavera rappresenta un ottimo pascolo di rucola selvatica per le grandi mandrie di dromedari e capre della regione e raggiungimento del campo tendato situato ai piedi di grandi dune.
      Pensione completa. 

       

      4° GIORNO
      ERG CHGAGA - IRIQUI - FOUM ZGUID - TASLA - AGDZ
      Dopo aver trascorso la notte sotto un bel manto di stelle, lasciamo la straordinaria dimensione desertica dell’erg. Si prosegue per qualche decina di chilometri sulle sabbie di un bellissimo e grande oued ricco di tamerici ed euforbie per giungere nella grande piana alluvionale perfettamente piatta di Iriqui, che verrà attraversata completamente in direzione di Foum Zguid. Foum, che in arabo significa bocca, è il passaggio obbligato tra le montagne scavato attraverso il tempo dalle erosioni e dall’acqua del fiume Zguid che si disperde a sud nel deserto. Lungo il percorso nel deserto, sosta al villaggio sahariano della Zaouia Sidi Adn En Nebi che vive della magra agricoltura ai margini dell’effimero lago. In seguito, su strada asfaltata, si attraversa l'Anti Atlante punteggiato da piccole oasi e villaggi disseminati lungo il corso dell’oued Zguid. Poco prima del passo di Timlaine si devia per attraversare la parte sud del massiccio del Sarhro in direzione della valle del Draa transitando per Tasla (ʺtappaʺ in berbero), vecchio punto di passaggio carovaniero situato in una delle poche zone piane all’interno del Sarhro. Dopo qualche decina di chilomdetri di strada sulle nude e aride montagne si raggiunge Agdz, cittadina che segna l’inizio della valle, situata al margine di uno dei grandi palmeti lungo le fenditure della stretta e lunga valle.
      Pensione completa.

       

      5° GIORNO
      AGDZ - NKOB - JBEL SARHRO - BOUMALNE DADES e Gole del Dades – VALLE DELLE ROSE - OASI DI SKOURA
      Si ripercorre un breve tratto della fertile valle che verrà abbandonata per inoltrarsi in territorio presahariano sull’altopiano del Tafilalt, dai paesaggi minerali. Raggiunta la cittadina di Nkob, posta sull’oasi omonima, si sale ancora sul Sarhro attraverso uno dei tratti più belli, caratterizzato da impressionanti pinnacoli neri di formazione lavica e dallo spettacolare passo di Tazazert (2200 m), con le sue due cime che svettano isolate, denominato dai locali Bab Ali, ossia ʺla porta dei cieliʺ. Il cambio di versante della montagna fa capire la grande differenza tra il lato sud, desertico e arido, ed il lato nord, affacciato al grande Atlante ricco di pascoli. Tra le due linee montagnose scorre la grande valle del Dades che beneficia delle piogge e delle nevicate che, provenendo dall’Oceano Atlantico, riescono a scavalcare cime di oltre 4000 metri. Raggiunta Boumalne du Dades, il centro più importante della grande vallata sull’altro versante, si risalgono le pittoresche gole del Dades, caratterizzate da bizzarre forme rocciose e da incredibili canyon rossastri. Ritorno sulla stessa via sino ad Ait Youl; da qui un tratto di pista tra le montagne permette di raggiungere il villaggio berbero di Bou Trahar, da dove inizierà la discesa nella Valle delle Rose. Raggiunta la cittadina di El Kelaa M’Gouna, dove tutta l’economia ruota prevalentemente intorno alla produzione di rose damaskine e dei loro derivati, si prosegue par l’oasi di Skoura. Sistemazione in kasbah.
      Pensione completa con Cenone di Capodanno. 

      Nota: Nel caso di avverse condizioni atmosferiche, raggiunto il punto panoramico più alto delle gole del Dades si ritornerà a Boumalne du Dades per il medesimo percorso, proseguendo quindi sulla strada principale. 

       

      6° GIORNO
      SKOURA - AIT BEN HADDOU - VALLE OUNILA - TELOUET - PASSO DEL TICKHA - MARRAKECH
      Visita della bella kasbah di Ameridil, posta ai margini dell’oued nell’oasi di Skoura, che fu riserva privata di caccia col falcone di califfi e sultani. Nell’oasi sono presenti i resti di svariate kasbah, purtroppo irrimediabilmente distrutte dal tempo e dall’incuria. Continuazione per Ouarzazate e per Ait Ben Haddou per la visita del magnifico Ksar di origini molto antiche, la cui attuale struttura risale al XVII secolo: è una delle più belle città fortificate del Marocco, un vero e proprio gioiello di architettura locale interamente realizzato in fango e argilla, ben conservato grazie ad un attento e continuo lavoro di restauro. Set cinematografico di famosi film, è oggi annoverata fra i beni Patrimonio dell'Umanità. Il percorso prosegue in quota lungo la bellissima e pittoresca valle dell’Ounila punteggiata di villaggi berberi costruiti in terra e conosciuta col nome di Via del Sale poiché fu percorsa per secoli dalle carovane provenienti dal sud in direzione di Marrakech, prima della costruzione della moderna strada che attraversa l’Alto Atlante da Marrakech a Ouarzazate. Poco prima di Telouet si effettua una breve deviazione per visitare (se aperta) la miniera di salgemma di colore rosa, il cui colore è dovuto alla percentuale di ferro situata all’interno di un’enorme grotta, dove il sale viene ancora strappato dalle viscere della montagna con sistemi arcaici. Subito dopo sosta a Telouet, villaggio situato a 2000 metri, dove si visiterà la magnifica kasbah parzialmente in rovina appartenuta all'ultimo califfo di Marrakech che la utilizzava come residenza estiva. Notevoli i soffitti in cedro dell’Atlante finemente intarsiati e i pavimenti in marmo di Carrara. Qualche decina di chilometri dopo, raggiunta la strada principale, si percorrerà il valico del Tickha, il passo montano asfaltato più alto del Marocco (2260 m), tra i paesaggi imponenti e maestosi dell’Alto Atlante. Successivamente su degradanti e dolci colline ed attraverso un tratto della grande piana dell’Haouz si raggiunge Marrakech, con arrivo previsto nel tardo pomeriggio.
      Pensione completa.

       

      7° GIORNO
      MARRAKECH
      Intera giornata dedicata alla visita guidata della città in minibus, durante la quale si scopriranno, in mattinata, i monumenti più importanti e, nel pomeriggio, i suoi celeberrimi souk adiacenti la famosa piazza Jemaa el Fna. Si ritiene che Marrakech venne fondata all'inizio della dinastia almoravide, fra il 1062 ed il 1070, da Yussef Ibn Tāshfīn, un importante capo militare che, dopo aver conquistato il nord del Marocco, occupò l’Andalusia sconfiggendo i re cristiani in Spagna. Agli Almoravidi seguì la dinastia almohade e nel 1184 salì al trono Yacub El Mansour, il terzo discendente della dinastia, che arricchì la città di opere importanti, facendo erigere la nuova kasbah e l'imponente moschea della Koutobia. La sua corte fu frequentata da poeti e filosofi fra i quali Ibn Rushd, noto come Averroé. I regni almoravide e almohade durarono circa due secoli e attorno al 1220 la città fu saccheggiata, distrutta e quindi ricostruita finché, all'inizio del XVI secolo, passò alla dinastia dei Saadidi i quali diedero nuovo impulso alla città. Risale a questo periodo la costruzione del palazzo El Badi come pure i mausolei delle tombe Saadide. Seguì, poi, la dinastia Alawita il cui secondo discendente, Mulay Ismail, in seguito ad un conflitto fra le dinastie, ebbe il sopravvento e rase al suolo la città ad eccezione delle tombe Saadite, scegliendo Meknes come capitale. Marrakech rimase una città imperiale, importante base meridionale per il controllo delle tribù berbere. Tra il XVII ed il XIX secolo la città perse molta della sua importanza commerciale che riacquistò solo alla fine dell'800 e che durò fin oltre l'arrivo dei Francesi. A partire dall'indipendenza, Marrakech si è ingrandita notevolmente anche a causa della consistente migrazione delle popolazioni provenienti dall'Atlante e dal sud. Al termine delle visite rientro in hotel.
      Prima colazione e pernottamento.

       

      8° GIORNO
      MARRAKECH - ITALIA
      Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza con il volo di rientro in Italia, via Casablanca.


      Partenza di gruppo: Dal 27 dicembre 2020 al 3 gennaio 2021

      Quote individuali con assistenza di guida locale parlante italiano:

      PARTECIPANTI

      In camera doppia

      In camera singola

      Base 2 partecipanti - 1 auto

      € 3195,00

      € 3730,00

      Base 3/5 partecipanti (1 auto per 3 partecipanti, 2 auto per 4/5 partecipanti)

      € 2820,00

      € 3355,00

      Base 6/7 partecipanti - 2 auto 

      € 2550,00

      € 3085,00

      Base 8/9 partecipanti -3 auto

      € 2695,00

      € 3230,00

      Base 10 partecipanti - 3 auto

      € 2440,00

      € 2975,00

      Quote dei servizi a terra e tariffe aeree valide fino al 3/1/2021

       

      Supplementi:

      Cenone di Capodanno obbligatorio: verrà comunicato al più tardi un mese prima della partenza. 

       

      LA QUOTA COMPRENDE

      • I passaggi aerei internazionali con voli di linea Royal Air Maroc (classe di prenotazione economica speciale da 2 a 7 partecipanti; speciale di gruppo da 8 a 10 partecipanti: vedere paragrafo alla pagina Informazioni Generali), n. 1 collo del peso di 23 kg di franchigia bagaglio • Circuito con vetture con veicoli 4x4 Toyota Land Cruiser Prado TX con autisti parlante francese, minibus per la visita di Marrakech e per i trasferimenti da/per l’aeroporto • Sistemazione negli alberghi indicati in apertura al tour • I pasti dettagliati nel programma • Visite ed escursioni come da programma • Ingressi durante le visite guidate • Assistenza di personale locale qualificato e di guida locale parlante italiano • Assicurazione “Multirischi” inclusa (Annullamento Viaggio, Bagaglio, Assistenza alla Persona e Spese Mediche, Interruzione Soggiorno, Famiglia Sicura). 

       

      LA QUOTA NON COMPRENDE

      • Le tasse aeroportuali e di sicurezza (Euro 150 circa) e le tasse aeroportuali pagabili unicamente in loco • Eventuale introduzione di nuove tasse governative o aumenti delle stesse e aumenti del costo dei biglietti di ingresso ai vari siti di interesse turistico, parchi o riserve naturalistiche di cui non si è a conoscenza al momento della elaborazione delle quote • Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato.

       

       

    RESPONSABILITà

    CONCEPT STORE

    TWITTER FEEDS

    Informazioni Legali  |  Privacy  |  EU Safety List  |  Coperture Assicurative

    Il Tucano Viaggi Ricerca di Willy Fassio & C. s.a.s. - Piazza Solferino, 20 - 10121 Torino - Tel. 011 5617061 - Fax 011 5158105 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Iscritti nel registro imprese di Torino n° 876529 - P.Iva e codice Fiscale 07255310018 - Capitale Sociale Euro 10.500
    Tucano Viaggi Copyright © 2013 - Powered by coolshop