Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Ok

Facebook

YouTube

DURATA

6 giorni

 

PARTENZE INDIVIDUALI 


 

IN QUESTO VIAGGIO IL PATRIMONIO UNESCO

- Ivrea, città industriale del XX secolo
- Le residenze reali dei Savoia
- I paesaggi vitivinicoli del Monferrato
- I Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia
- Le Strade Nuove e il Sistema dei Palazzi dei Rolli a Genova
- Le Cinque Terre


 

 

 

VALLE D’AOSTA, PIEMONTE E LIGURIA - DA COURMAYEUR A RIOMAGGIORE, LE PERLE DEL PAESAGGIO DEL NORD-OVEST

Quote in preparazione - 6 giorni, partenze a date libere su richiesta
GIOIELLI D'ITALIA

  • Un itinerario dal Tetto d’Europa al Mar Ligure: è un viaggio all’insegna di molteplici orizzonti, quello che vi proponiamo, a cominciare dalla grandissima emozione che suscita la sublime visione del Monte Bianco. Con la funivia Skyway Monte Bianco, prodigio dell’ingegneria realizzato nel 2015, si raggiungono i 3466 metri di Punta Helbronner: dalla terrazza circolare il panorama è a 360°, sembra quasi di toccare con un dito tutta la corona di montagne che ci circondano. Ridiscesi a Courmayeur, nei giorni successivi si scoprono Ivrea, nel Canavese, l’eleganza di Torino e delle sue residenze sabaude, i paesaggi vitivinicoli del Monferrato, la fascinosa Genova, per concludere il viaggio dinanzi a un altro orizzonte: quello del mare delle Cinque Terre con i suoi deliziosi borghi.

     

    Giorno per giorno

     

     

    1° GIORNO
    COURMAYEUR: LA FUNIVIA SKYWAY MONTE BIANCO E IL RIFUGIO TORINO
    Arrivo individuale a Courmayeur, situata a 1300 metri di quota. Incontro con la guida alpina che ci accompagnerà durante l’emozionante esperienza dello Skyway Monte Bianco, meraviglia tecnologica e ingegneristica aperta al pubblico nel 2015. L’impianto comprende 3 stazioni: Courmayeur/The Valley (1.300 m), Pavillon/The Mountain (2.173 m) e Punta Helbronner/The Sky (3.466 m). Ci fermeremo alla stazione intermedia del Pavillon per scoprire la tecnica di vinificazione in alta quota nella Cave du Mont Blanc dove si produce il rinomato spumante Vallée d'Aoste Blanc de Morgex et de La Salle. La visita prosegue all’Hangar 2173 dove si trova la storica cabina rossa della vecchia funivia. Accesso al Giardino Botanico Saussurea, dove convivono oltre 900 esemplari botanici provenienti da tutto il mondo. Con la seconda tratta di risalita raggiungiamo la terrazza panoramica posta a 3466 metri di quota, da cui il tetto d’Europa domina con tutta la sua imponenza sul ghiacciaio del Gigante. Alla stazione Punta Helbronner visita alla struttura, accesso guidato alla Sala dei Cristalli, alla Sala Monte Bianco e infine alla Terrazza panoramica, dove la vista spazia a 360° sul panorama di montagne. Pranzo presso il nuovo Rifugio Torino, raggiungibile con un suggestivo tunnel scavato nella montagna. Discesa con la funivia a Courmayeur e nel pomeriggio visita facoltativa al Museo alpinistico della Grivel. Raggiunta la frazione Entrèves di Courmayeur, sistemazione in hotel con relax termale e spa.
    Pensione completa.

     

    2° GIORNO
    COURMAYEUR – IVREA E LA SERRA MORENICA
    Partenza per quella che da molti è stata considerata come la Silicon Valley italiana degli anni '60 e '70: Ivrea, bellissima città che affonda le sue radici nell'Impero Romano e che l'Unesco ha di recente dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Al mattino visiteremo i luoghi di maggiore interesse della città: la chiesa di San Bernardino, il castello di Ivrea e il Laboratorio-Museo Tecnologic@mente che racconta l’affascinante storia industriale creata da Camillo Olivetti, il fondatore della “Prima fabbrica italiana di macchine per scrivere”. Dopo un pranzo tipico trasferimento ad Andrate, punto più alto delle Serra Morenica, dove con una semplice camminata escursionistica avremo la possibilità di immergerci nella natura ancora incontaminata di questa lingua di terra di origine glaciale che caratterizza il territorio del Canavese. Sistemazione in hotel a Ivrea.
    Mezza pensione che include il pranzo.

    Nota: in alternativa alla Serra Morenica è possibile visitare il Forte di Bard nella Bassa Valle d'Aosta. Per maggiori informazioni contattare i nostri uffici booking.

     

    3° GIORNO
    IVREA – TORINO: LE RESIDENZE SABAUDE E CASA MARTINI
    Partenza per Torino, capoluogo del Piemonte e città dal fascino unico. Capitale del Regno di Sardegna, prima capitale del Regno d'Italia, città del cinema e dell’automobile, con le Olimpiadi invernali del 2006 ha valorizzato la sua incredibile vocazione turistica. Scopriremo le residenze Sabaude presenti in città, Palazzo Madama e Palazzo Carignano e, dopo una passeggiata nel bellissimo Parco del Valentino che costeggia il Po, raggiungeremo il Monte dei Cappuccini, con un’imperdibile vista sulla città e sulle Alpi. Nel pomeriggio visitiamo la fabbrica Martini & Rossi dove è nato e si è diffuso nel mondo il celebre Vermouth, di cui è prevista una degustazione. Sistemazione in hotel.
    Prima colazione e pernottamento.

     

    4° GIORNO
    TORINO – IL MONFERRATO – GLI INFERNOT – IL SACRO MONTE DI CREA - CERESETO
    Il Monferrato, insieme ai paesaggi vitivinicoli delle Langhe e Roero, è da qualche anno riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Diviso in tre macro aree - Astigiano, Basso e Alto Monferrato - è una terra ricca di cultura, storia e alta enogastronomia. Celebre per il Barbera, il Grignolino e la Freisa, nasconde vere opere d’arte nate dalla tradizione contadina e dalla perizia di mastri cantonieri: sotto le comuni abitazioni si celano infatti gli Infernot, piccole camere raggiungibili generalmente attraverso una cantina, utilizzati per la conservazione delle bottiglie. Visita al Museo della grappa di Altavilla e all’Albero della felicità – chiamato anche Albero delle due anime -, una curiosa meraviglia della natura, ovvero un ciliegio cresciuto sopra un gelso. La giornata termina con la visita al Sacro Monte di Crea, che fa parte dei Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia, composto da ventitre cappelle realizzate in due differenti fasi costruttive, una cinque-seicentesca e l’altra ottocentesca. Sistemazione in hotel a Cereseto.
    Prima colazione e pernottamento.

     

    5° GIORNO
    CERESETO – GENOVA
    Al mattino partenza per Genova, affacciata sul Mar Ligure. Il fascino della città sta non solo nel Porto Antico, riprogettato da Renzo Piano nel 1992 in occasione delle celebrazioni del cinquecentenario della scoperta dell'America, ma anche nel suo centro storico, uno dei più estesi d’Europa, un dedalo di vicoli (detti caruggi) che si aprono su piccole piazze. Passeggiata lungo le strette e pittoresche viuzze, tra cui Via Prè e Via del Campo. Il tour, di 3 ore circa, parte da Piazza Caricamento e termina con la visita di tre Palazzi dei Rolli, antiche dimore di grande splendore protette dall’Unesco: Palazzo Bianco, Palazzo Rosso e Palazzo Tulsi. Al termine della visita tempo a disposizione per la visita libera del Porto Antico. Sistemazione in hotel.
    Mezza pensione che include la cena in una delle più antiche trattorie della città.

     

    6° GIORNO
    GENOVA – ESCURSIONE AL PARCO DELLE CINQUE TERRE
    Prima colazione. Al mattino partenza in treno per Riomaggiore, nel Parco Nazionale delle Cinque Terre. Qui l’uomo ha adattato l'ambiente naturale sezionando gli scoscesi pendii delle colline per ricavarne strisce di terra coltivabili, sorrette da chilometri di muretti a secco: nel 1997 l’Unesco ha inserito le Cinque Terre nell’elenco del Patrimonio dell’Umanità in quanto "paesaggio culturale". Nel parco si trovano 5 borghi, veri e propri gioielli che visiteremo ad uno ad uno lungo un sentiero di 7 chilometri (4 ore): Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e, da qui, in treno fino a Monterosso. Arrivati a Riomaggiore, tempo a disposizione per visitare il piccolo borgo e per un bagno nelle acque cristalline delle Cinque Terre, prima del rientro in treno a Genova.

    Nota: allo stato attuale alcuni tratti del Sentiero Azzurro sono chiusi per via di alcune frane; a seconda della fattibilità sarà proposta l'escursione più in sicurezza. Il trekking non presenta particolari difficoltà, tuttavia è adatto a persone in buona forma fisica.


      

    Quote su richiesta. Contattare i nostri uffici booking. 

RESPONSABILITà

CONCEPT STORE

TWITTER FEEDS

Informazioni Legali  |  Privacy  |  EU Safety List  |  Coperture Assicurative

Il Tucano Viaggi Ricerca di Willy Fassio & C. s.a.s. - Piazza Solferino, 20 - 10121 Torino - Tel. 011 5617061 - Fax 011 5158105 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Iscritti nel registro imprese di Torino n° 876529 - P.Iva e codice Fiscale 07255310018 - Capitale Sociale Euro 10.500
Tucano Viaggi Copyright © 2013 - Powered by coolshop